Treviso 95-76 Trieste, l’Allianz cade sotto le triple biancocelesti e scivola al settimo posto

29.03.2021 – 08:00 – Dopo il primo derby contro l’Umana Reyer Venezia, sfuma per l’Allianz Pallacanestro Trieste anche il secondo contro la De Longhi Treviso Basket. Nello scontro diretto per il sesto posto in classifica, tenutosi nella serata di ieri presso il PalaVerde, i rossoalabardati sono caduti sotto le triple dei biancocelesti i quali si sono aggiudicati la sesta piazza ribaltando pure la differenza canestri maturata nella gara d’andata che vedeva l’Allianz a +6. Il quintetto iniziale biancorosso era formato da Fernandez, Doyle, Henry, Da Ros e Upson: Delìa, con una caviglia malconcia, è partito dalla panchina insieme all’altro giocatore in recupero, ovvero Grazulis. La De Longhi, dal canto suo, ha risposto con il classico starting five formato da Russell, Logan, Sokolowski, Akele e Mekowulu.

Il primo quarto:

La Dè Longhi si appoggia a Mekowulu all’inizio, con il pivot nigeriano che si mette in luce sia a livello realizzativo che a rimbalzo. I padroni di casa arrivano sul 10 – 4, poi uno 0 – 7 di Trieste con Doyle ed Upson (7/10 dal campo, 4/8 in lunetta, 8 falli subiti, 5 rimbalzi) permette di ribaltare il risultato: il primo periodo è piuttosto in equilibrio, anche se Treviso deve mettere in panchina il bomber Logan con due falli personali. Un rimbalzo offensivo di Henry, che sguscia tra due difensori, e un appoggio al tabellone di Fernandez permette ai biancorossi di “fuggire” sul +3 (14 – 17): il talento di Sokolowski, però, trascina la Dè Longhi al pareggio a quota 19, risultato con cui si chiude il primo periodo.

Il secondo quarto:

Il secondo quarto si apre con Trent Lockett gran protagonista: l’ultimo arrivo in casa Dè Longhi mostra tutto il suo repertorio offensivo e, con sette punti praticamente di fila, sigla il 30 – 23. L’Allianz non si perde d’animo, pur fra mille difficoltà: Laquintana serve un assist ad Upson, che schiaccia nel traffico; lo stesso regista pugliese, però, si fa male e deve tornare negli spogliatoi. Treviso continua a guidare nel punteggio, riuscendo a toccare il +10 (35 – 25) a metà frazione, poi cinque punti di fila del “Lobito” Fernandez (4/7 da due, 3/7 dalla lunga distanza, 1/1 nei personali, 6 rimbalzi, 6 assist) originano un parziale di 0 – 7 per i biancorossi, con la gara che torna in equilibrio sul 32 pari. I locali, però, sono sempre molto vivaci: arriva un 11 – 0 in chiusura di quarto, con Sokolowski ancora una volta gran protagonista insieme a Chillo e Logan. Treviso segna proprio allo scadere, andando all’intervallo lungo con undici lunghezze di margine a proprio favore (43 – 32).

Il terzo quarto:

La ripresa viene inaugurata da uno scatenato David Logan (2/4 da due, 5/9 da tre, 6/6 ai liberi, 3 falli subiti): il veterano bomber dei trevigiani firma ben 14 punti in 3’30’’, rispondendo alle iniziative vicino a canestro di Devonte Upson. Il pivot dell’Allianz si distingue bene, ma dall’altra parte Logan è devastante, tanto da portare la Dè Longhi sul 59 – 43. E’ un allungo importante che porta il vantaggio di Treviso in doppia cifra: due bombe di fila di Sokolowski (3/5 da due, 6/9 nelle bombe, 4/4 in lunetta, 7 falli subiti) aumentano ulteriormente il divario a favore dei padroni di casa e per i biancorossi ci sono i liberi di Delìa ed Henry, insieme alla bomba di Juan Fernandez, a rendere meno amara la terza frazione. Il quarto si conclude sul 71 – 58 a favore della Dè Longhi, che continua a dire la sua a rimbalzo ed a colpire dalla lunga distanza.

Il quarto quarto:

L’ultimo quarto si apre con un Delìa che cerca di farsi spazio nel pitturato e ci riesce, ma Treviso ha sempre ottime percentuali e risponde con Chillo e Lockett; Logan e Sokolowski continuano a crivellare la retina avversaria, tenendo a debita distanza un’Allianz Pallacanestro Trieste che non riesce ad arginare gli avversari in difesa. Nonostante gli sforzi lodevoli di Upson e Fernandez, la compagine di coach Dalmasson continua ad inseguire invano: Chillo sotto canestro, unitamente a Lochetto e ad un Imbrò ispirato, rendono ancora più pesante la vittoria della formazione di casa, che arriva al massimo vantaggio sul +22 (92 – 70). Nel finale, Upson ed Henry limano parzialmente il divario e la gara si conclude sul -19 per i biancorossi, che dunque “scivolano” al settimo posto e devono lasciare strada libera alla formazione trevigiana. 95 a 76 il risultato finale.

Il commento dell’Assistant Coach dell’Allianz Pallacanestro Trieste, Franco Ciani:

“I due fattori che hanno fatto pendere l’ago della bilancia in modo netto verso Treviso sono stati in primis le importanti percentuali da tre e la precisione nelle soluzioni offensive di Logan e Sokolowski, che hanno creato un solco che non siamo riusciti a colmare. Sono stati senza dubbio cinici e precisi nell’attaccare il canestro aprendo un divario importante. Il secondo fattore è stata la capacità di Treviso di mantenere 40 minuti di grande intensità e aggressività. Per la prima parte della partita siamo risultati competitivi e siamo riusciti a restare in scia ma alla lunga abbiamo perso l’aggressività e l’efficacia della prima parte della gara”.

“Avevamo giocatori non al top e abbiamo certamente risentito di questo. Ci siamo trovati ad avere dei giocatori importanti carichi di falli dalla prima parte della gara, ma questa è la conseguenza di una ricerca di alzare l’aggressività senza riuscire a tenere il ritmo: si rischiano più contatti, che sono stati puntualmente sanzionati. Siamo rimasti senza Laquintana per una botta alla testa di cui ha risentito. Poi per fortuna sembra non essere nulla di grave“.

“Ora dobbiamo focalizzarci sul preparare il rush finale di campionato. Abbiamo giocatori da recuperare fisicamente e sfrutteremo il turno di riposo per questo. Dobbiamo dare una nuova passata di vernice sulla condizione della squadra. Ci aspetta un finale di stagione intenso e nel prossimo weekend faremo come un ciclista prima dell’ultimo chilometro: staremo a guardare gli altri preparandoci al meglio per la volata. Saranno infatti quasi tutti scontri diretti con squadre che hanno tutte lo stesso obiettivo”.

Il tabellino:

TREVISO BASKET – PALLACANESTRO TRIESTE: 95 – 76.

Dè Longhi Treviso: Logan 25, Russell 10, Chillo 10, Piccin, Akele 2, Vildera, Sokolowski 28, Imbrò 3, Bartoli ne, Lockett 9, Mekowulu 8. All. Menetti.

Allianz Pallacanestro Trieste: Da Ros 4, Upson 18, Doyle 3, Henry 10, Cavaliero 3, Alviti 10, Fernandez 18, Coronica ne, Delìa 8, Laquintana, Arnaldo ne, Grazulis 2. All. Dalmasson.

Parziali: 19-19; 43-32; 71-58.

Arbitri: Baldini, Grigioni e Valzani.