Riammissioni informali Italia-Slovenia, SAP: “Si dia giusto valore a Rotta Balcanica”

21.01.2021 – 16:45 – Dopo che il Tribunale di Roma ha dichiarato le riammissioni informali dei migranti tra Italia e Slovenia illegittime, si pensi a rinforzare le Forze di Polizia del nostro territorio per gestire al meglio gli “arrivi” provenienti dalla “Rotta Balcanica”. Un’ordinanza questa che di certo aumenterà la mole di lavoro della Polizia di Frontiera e dell’Ufficio Immigrazione, che già patiscono una carenza di organico. Si tenga quindi conto di quanto successo negli anni scorsi, dei progressivi aumenti di arrivi su questo territorio e si pensi ad organizzare al meglio le Forze di Polizia fornendo loro di un adeguato numero di rinforzo di agenti e di strutture logistiche che possano garantire agli operatori di Polizia di poter espletare quanto previsto per legge in modo sicuro e dignitoso. Non si può più continuare, come è stato fin d’ora, a considerare gli effetti della “Rotta Balcanica” come qualcosa di emergenziale ed affrontarli come fossero un problema dell’ultima ora. Si dia quindi risorse adeguate.

Così recita il comunicato stampa della Segreteria Provinciale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sezione di Trieste, ndr) in merito alla questione che, per la prima volta, ha visto un giudice pronunciarsi sulla prassi dellle riammissioni dei richiedenti asilo in base a un vecchio accordo bilaterale, in seguito ad un ricorso effettuato da un 27 enne pakistano nei confronti del Ministero dell’Interno preso in carico dagli avvocati dell’Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione (ASGI).