Una specie di “Amblypygi” scoperta a Trieste: prima volta in Italia

04.12.2020 – 09.45 – Un gruppo di ricercatori specializzati nello studio degli aracnidi ha scoperto, nelle tenebre del sistema di gallerie naziste della Kleine Berlin, una specie di aracnidi mai finora osservata in Italia. Si tratta degli amblipigi, specificatamente i Charinus ioanniticus (Charinidae), i quali ricordano nella forma e nelle funzioni un incrocio tra ragno e scorpione: il corpo appiattito presenta due pedipalpi frontali che culminano con due stiletti con i quali cattura la preda, mentre il primo paio di zampe si è sviluppato in due fruste sottili che usa come organi sensoriali. Le dimensioni possono oscillare da pochi millimetri a quattro centimetri, ma nonostante l’aspetto ricordi uno scorpione la specie in questione non ha sacche velenifere e come tale è innocua. Anzi, i ricercatori che hanno condotto lo studio hanno osservato che la specie triestina è “parecchio timida”.

Lo studio è stato condotto a seguito di alcuni avvistamenti ad opera del CAT (Club Alpinistico Triestino) nelle gallerie del complesso sotterraneo. Il dedalo di cunicoli con funzione di rifugio anti aereo risale al 1944; dal 1996 viene gestito dal CAT che organizza periodiche visite guidate. Gli amblipigi però sono stati scoperti in una galleria principale chiusa alle visite, serrata da una porta di ferro; l’interno presenta muri grevi di umidità, formazioni di calcare e un pavimento con un velo d’acqua. Complice la ruggine che ammanta le parti metalliche e il legno in via di deterioramento, ci ritroviamo in un ambiente che ricorda una grotta; l’habitat naturale di questa specie. Finora gli amblipigi erano stati osservati soltanto nell’entroterra della Turchia, sulle isole di Rodi e Kos e, negli ultimi anni, nell’entroterra della Grecia. Si tratta pertanto di una delle prime scoperte avvenute in Europa continentale; normalmente l’amblipigio preferisce i climi tropicali e subtropicali.

La scoperta, pubblicata sul giornale scientifico Arachnology, è stata coordinata da Aracnofilia (Associazione Italiana di Aracnologia) con la partecipazione di Andrea Colla del Museo Civico di Storia Naturale di Trieste, Carlo Legittimo, Enrico Simeon, Filippo Castellucci e Gustavo Silva de Miranda, ricercatore presso lo Smithsonian’s National Museum of Natural History di Whashington D.C.

Fonti: Bioone.org, First record of Amblypygi from Italy: Charinus ioanniticus (Charinidae)
Academia.edu, First record of Amblypygi from Italy: Charinus ioanniticus

[z.s.]