6 C
Trieste
venerdì, 2 Dicembre 2022

Zone d’Italia. Tra giallo, arancione e rosso: cosa potrebbe cambiare?

20.11.2020 – 08.00 – Vento di novità nella giornata di oggi, venerdì 20 novembre: si avranno proprio in giornata i nuovi dati del monitoraggio della situazione pandemica nelle Regioni d’Italia.
Un’osservazione che potrebbe portare ad un nuovo assetto tra zone rosse, arancioni e gialle.
Le Regioni scarlatte potrebbero accogliere nuovi membri: i riflettori sono per ora rivolti su Puglia, Basilicata e Sicilia.
Ma la data nevralgica sarà sicuramente il 27 novembre: da quel giorno le Regioni potranno cominciare a cambiare fascia di rischio.
Il premier, Giuseppe Conte, ha tenuto a ribadire che “il meccanismo che adottiamo è già tarato anche su base provinciale, è possibile differenziare le aree più in una medesima regioni aree, così da adottare misure più rigide nelle province più a rischio“.
E’ già previsto nel Dpcm, occorre una richiesta del governatore, fondata su una base scientifica, il ministro Speranza poi valuterà”.
Ai governatori che negli ultimi giorni hanno chiesto una riduzione dei fantomatici parametri da 21 a 5, il Presidente ha dichiarato: “Non sono un esperto, non sono uno scienziato. Per parlare di 5 o 3 indicatori rientra in un dibattito scientifico, dobbiamo fidarci degli esperti. Il dibattito è aperto, ma proprio per rassicurare i presidenti delle regioni abbiamo concordato con il ministro Speranza che il professor Brusaferro con i suoi esperti spieghino bene ai presidenti delle regioni”.

[c.c]

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore