11.6 C
Trieste
venerdì, 9 Dicembre 2022

Coronavirus, Governo chiede a Crisanti come quadruplicare i tamponi

31.08.2020 – 08.30 – Quando a marzo il Veneto era stata la seconda regione a registrare casi di Coronavirus, con il primo, storico, decesso, era stata del microbiologo Andrea Crisanti la decisione controcorrente di procedere ad effettuare tamponi “a tappeto” rispetto a una linea governativa che privilegiava questo strumento solo in casi speciali.
Ora Crisanti è stato contattato dal Governo Conte, il quale sembra volergli chiedere di progettare un “piano nazionale di sorveglianza” per il Coronavirus, mirante a quadruplicare la quantità di tamponi svolta in Italia che dovrebbe decollare dagli attuali 75/90mila ad oltre 300mila al giorno. Il primo giornale a darne notizia è stato il Corriere del Veneto seguito a ruota dai principali quotidiani nazionali.
“Tutto è nato da un colloquio informale con il ministro D’Incà e il sottosegretario Sileri – ha risposto Crisanti – che mi hanno chiesto cosa fare per affrontare la nuova ondata di contagi. Ho dato il mio contributo di idee e loro mi hanno sollecitato a mettere tutto nero su bianco”.

Il progetto allo stadio attuale è al vaglio del Ministero e del Comitato Tecnico Scientifico: tra i piani iniziali si progetta di attivare venti nuovi laboratori in ogni regione e d’investire nel progetto 40 milioni, più 1,5 mln al giorno per la gestione.

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore