“Science to Business”, ESOF2020 incontra Confindustria VG

18.04.2019 – 09.05 – Dalla scienza al mondo degli affari o, seguendo il titolo dell’incontro tra il comitato di ESOF2020 e Confindustria VG, “Science to Business”. La scienza non sarebbe tale senza un diretto impatto nella vita di ogni giorno, reso tale dal passaggio dalla formulazione teorica, all’applicazione pratica. Mentre un tempo questa connessione era chiara principalmente per il mondo militare, oggigiorno anche settori “civili” comprendono la necessità di finanziare la ricerca scientifica per le positive ricadute sull’economia. ESOF2020 non vuole pertanto agire in un “vuoto”, in una torre d’avorio, preferendo ricercare una stretta connessione con le persone e le aziende.

La cornice industriale della Centrale ha allora permesso a ESOF2020 di lanciare un concreto appello, una CallScience to Business”, all’interno della quale dialogheranno scienziati e istituzioni statali, ricercatori e aziende. Quattro i filoni principali, una guida al futuro: Quarta rivoluzione industriale; Innovazione orientata al valore; Partnership pubblico-privato; Ecosistemi dell’innovazione.

Un’enfasi tutta particolare è stata inoltre riservata a due altri programmi di ESOFO2020: lo Scientific Programme e lo Science to Careers Programme. L’attenzione di queste proposte dovrebbe essere sulle opportunità commerciali, economiche e sociali presenti e future e sulla sfida di avvicinare di più la ricerca scientifica all’attività core dell’azienda o ad avere maggiori rivolti pratici e orientati al business.

Il termine ultimo per sottoporre le proposte da inserire nel programma di ESOF2020 è il 15 giugno 2019 alle 23:59. Per ulteriori informazioni sulla call “Science to business”, si veda l’apposita sezione su: www.esof.eu

“ESOF2020 deve servire a confermare che Trieste può essere non solo il punto di riferimento riguardo all’innovazione, alla ricerca scientifica e alla circolazione della conoscenza per 250 milioni di persone, afferenti al Centro-Est Europa, ma anche per la costruzione di una realtà in cui scienziati e imprenditori collaborino tra loro per l’innovazione e il futuro. Lavorando fin d’ora in stretto dialogo con il tessuto imprenditoriale locale, le ricadute economiche di ESOF2020 potranno andare oltre l’evento stesso e produrre condizioni favorevoli allo sviluppo delle aziende. L’eredità che ci auguriamo che ESOF2020 lasci a Trieste è il consolidamento di un centro permanente di riferimento nazionale per lo sviluppo tecnologico delle imprese” ha concluso Diego Bravar, Vicepresidente di Confindustria Venezia Giulia.