14.1 C
Trieste
domenica, 2 Ottobre 2022

Trieste, inaugurate le postazioni pubbliche dotate di defibrillatore

19.03.2019 – 13.40 – Inaugurate questa mattina nel centro di Trieste le prime tre postazioni pubbliche dotate di defibrillatore. Una grande novità per il capoluogo, che per la prima volta vede realizzato un progetto del genere grazie al supporto di più realtà e associazioni che, a diverso titolo, si sono attivate e impegnate per offrire alla città questi importanti presidi di sicurezza e soccorso. Le tre colonnine dotate di defibrillatore sono state posizionate una nell’area verde di Piazza Sant’Antonio Nuovo -all’altezza della Chiesa Serbo Ortodossa-, una seconda in piazza della Borsa, mentre la terza in piazza Hortis, quest’ultima operativa a breve.

Allacciate alla rete elettrica, le colonnine di soccorso rispondono alle particolari caratteristiche climatiche triestine e sono quindi in grado di resistere alle forti raffiche di bora. Le nuove installazioni dispongono di un sistema di climatizzazione autonomo e in grado di garantire la giusta temperatura nelle varie stagioni, evitando che i preziosi defibrillatori si danneggino a causa degli sbalzi e picchi termici.

L’iniziativa promossa e sostenuta già a partire dal 2017 dall’A.I.R.S.A.C -associazione no profit che opera nel campo dei beni culturali-, dalla Comunità Serbo Ortodossa e dall’Associazione N.I.M.D.V.M. con i contributi del Comitato provinciale della Croce Rossa, ha visto finalmente la sua realizzazione. “Trieste è in fibrillazione e si è messa in moto nel modo migliore”, ha dichiarato il Vicesindaco Paolo Polidori con una battuta e ha ringraziato tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione del progetto, un risultato che sicuramente si rivelerà utile per il soccorso e la sicurezza di tutti i cittadini. Il Vicesindaco ha inoltre ricordato il complesso iter procedurale avviato dal suo predecessore, l’attuale Assessore Regionale Pierpaolo Roberti, presente alla conferenza, che ha messo in moto il percorso burocratico, conclusosi con il parere positivo della Soprintendenza.

Presente anche il direttore di AcegasApsAmga Massimo Carratù, il quale dopo aver aderito al progetto, ora si occuperà dell’organizzazione di corsi di formazione per l’utilizzo dei defibrillatori portatili, nonché della diffusione della cultura e dell’utilizzo dei defibrillatori semiautomatici esterni, in un’ottica di promozione della sicurezza.

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore