12.6 C
Trieste
sabato, 26 Novembre 2022

Furti di rame in ambito ferroviario. Controlli della Polfer

15.02.2019 | 17.00 – Rame, “Oro rosso” definito così per la sua colorazione naturale, ma anche per l’alto valore commerciale. Il metallo più utilizzato dall’uomo, fin dai tempi antichi, spesso protagonista di raid notturni.

Nell’ottica, volta al contrasto del traffico illegale di questo metallo “prezioso” continuano, anche quest’anno in Friuli Venezia Giulia, i controlli straordinari disposti dal Servizio di Polizia Ferroviaria. Proprio ieri, 14 febbraio, in ordine di tempo si è svolta l’ultima operazione denominata per l’appunto “Oro Rosso”, che ha visto coinvolti gli operatori della Polfer, specificamente formati per questo tipo di servizio.

Una serie di controlli, tesi a monitorare costantemente la situazione relativa ai depositi di questo materiale, messa in atto sul territorio regionale. Sono stati così ispezionati 47 siti, tra ditte che trattano o commerciano in rottami e depositi presenti lungo la linea ferroviaria; le verifiche hanno interessato anche i mezzi di trasporto che movimentano il materiale da un deposito all’altro, per tracciarne il percorso, contemporaneamente durante l’attività sono state identificate 18 persone.

Sono state così riscontrate alcune violazioni, legate proprio alla compravendita e al trasporto di materiale ferroso in provincia di Pordenone, dove sono state elevate tre sanzioni amministrative, per un ammontare di oltre ottomila euro. Nonostante questo, il quadro regionale del Fvg, continua ad essere sostanzialmente positivo, ma si deve continuare a mantenere alta l’attenzione per contrastare il mercato illegale del rame, spesso preda di approfittatori che danneggiano la società, con furti che causano blocchi e ritardi alle ferrovie.

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore