12.7 C
Trieste
lunedì, 5 Dicembre 2022

Sala Stampa post Alma Trieste- Fiat Torino. Eugenio Dalmasson

28.1.19|09.05-Anche dopo un turbine di emozioni come il 115-110 dell’Allianz Dome, Eugenio Dalmasson si presenta con la consueta compostezza in sala stampa e pesa parole, concetti e complimenti. L’Alma ha fatto un passo avanti importante innanzitutto per metter in ghiaccio il discorso salvezza, ma a due punti dall’ottava posizione i playoff non sono un miraggio “La difesa è un fondamentale su cui dobbiamo trovare maggior consistenza, però nella partita di stasera l’unico obietivo era vincere e, come ho detto in spogliatoio, l’aver vinto soffrendo e lottando fino all’ultimo mi rinfranca e mi fa credere in ciò che facciamo. Gare come questa fanno capire capire che in campionato ogni partita ha una sua storia. Il girone di ritorno sarà molto duro e si verificheranno ancora partite così, perciò dobbiamo godere dell’iniezione di fiducia dei due punti, coscienti che il lavoro da fare è tanto.

Sul favoloso Cavaliero “Molto bravo, è questo che un giocatore della sua esperienza deve fare. Si è preso responsabilità importanti, ma stasera ognuno ha messo il suo mattoncino per cosruire la vittoria finale, Dragic è stato bravissimo nella prima parte. Tutti abbiamo avuto lo stesso approcci e la stessa mentalià, seppur con anti passaggi a vuoto, però la squadra è arrivata pronta ad una partita difficile da interpretare sia dal punto di vista di vista tecnico – torino ha dimostrato di non meritare sua classifica- sia mentale, perchè soffrivamo il nervosismo delle ultime sconfitte e sentivamo il peso di dover fare risultato.

Il momento per chiudere la partita era secondo me la nostra azione d’attacco in attacco su cui potevamo subire fallo tenendo palla e andare a fare tiri liberi. Così avremmo chiuso la gara ma non è facile dare indicazioni in momenti così delicati a giocatori molto esperti e per di più senza timeout a disposizione. Tuttavia non mi voglio soffermare sugli pisodi perchè la parita mi è piaciuta nella sua globalità”

Sulle prospettive future “Guardo sempre alla prossima partita, un avversario alla volta. Noi abbiamo dietro squadre importanti, destinate a fare un campionato diverso dall’attuale. Se questa è l’ultima in classifica allora il campionato è davvero di alto livello, inoltre il mercato sempre aperto rende le varie situazioni in costante mutamento nelle altre squadre. Nelle ultime partite siamo stati poco continui ma in fase difensiva dobbiamo avere più qualità come conferma la partita di stasera. Facciamo troppe pause e in A1 le paghi.

L’unica garanzia per il futuro è la continuità, basta vedere quanto siamo scesi in classifica con le ultime quatro sconfitte di fila. Dragic? lo valuteremo seriamente tra 5-6 partite. Dopo la sosta delle nazionali arriverà nelle migliori condizioni secondo me. Però anche stasera ha trovato con bravura e fortuna canestri importanti, certo non ha ancora quattro tempi nelle gambe e figuriamoci cinque. Serve pazienza da parte nostra e soprattutto sua, che è desideroso di tornare subito ai suoi standard di rendimento.”

Chiusura sul momento difficile di Strautins “Arrivato qui è stato bravissimo a sfruttare tutte le ocasioni e nelle prime 10 partite è stata la sorpresa del campionato. Forse però quello non era il suo vero livello e deve accettare certi passaggi a vuoto, capendo che non sempre la vena realizzariva è dalla sua parte.
Stasera ha fatto errori da poca concentrazione e per giocare in A1 deve avere una capacità di applicazione mentale in campo costante.
Per un giovane come lui è normale questo saliscendi di prestazioni, ma se lavorerà con pazienza e senza ansia di tornare a segnare tanto troverà una base per costruire la sua crescita. A partire dai tanti rimbalzi che garantisce.”

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore