23.4 C
Trieste
mercoledì, 10 Agosto 2022

Audi: Nuova Q5, prodotta in Messico con filosofia green.

Se nel vecchio continente, il Gruppo VW-Audi sta elargendo pesanti pene pecuniarie, per essere stato il fautore del ‘’Dieselgate’’, (lo scandalo emissioni che nel 2015 ha coinvolto in toto l’industria dell’automobile tedesca) nel nuovo mondo sembra che le cose stiano andando, decisamente, nella direzione opposta.

A partire dal 2016, con l’avvento dei modelli di ultima generazione, la casa automobilistica dei quattro anelli ha fatto passi da gigante, in ambito ecologico, soprattutto per quanto riguarda l’impatto ambientale che i suoi siti produttivi esercitano sul territorio circostante.

In particolare parliamo dello stabilimento di San José Chiapa, in Messico, impianto industriale, dove viene prodotta l’attuale serie del SUV medio ‘’Audi Q5’’, destinato all’esportazione su tutti i principali mercati auto europei.

Durante il processo produttivo di un autoveicolo, è necessario utilizzare copiose quantità di acqua, soprattutto a ridosso della fase della verniciatura e in quella dei test di qualità da eseguirsi a esemplare finito.

L’impianto Audi-Mexico, è stato progettato per purificare e riciclare, più volte, le acque reflue fino alla completa realizzazione della carrozzeria del veicolo. Le acque di scarico, infatti, vengono trattate, prima chimicamente, per ridurre la presenza dei metalli pesanti e successivamente in maniera biologica, debellando la presenza di eventuali batteri all’interno del liquido.

Grazie a questo processo, dalla filosofia ‘’green’’, la fabbrica Audi riesce a risparmiare circa 100 mila metri cubi d’acqua all’anno; inoltre, per contribuire a ridurre la grave condizione di siccità, che, a periodi alterni, grava sulla regione del Chiapas, lo stabilimento messicano, del celebre marchio tedesco, si è dotato di un grande serbatoio a cielo aperto in grado di raccogliere l’acqua piovana, che, una volta riempitosi, verrà impiegata durante le sopracitate fasi di costruzione del veicolo. Un processo produttivo, quindi, assolutamente pionieristico e all’avanguardia che speriamo venga adottato presto anche negli stabilimenti automobilistici del nostro continente.

In Europa è presente una sola realtà analoga; più precisamente a Cassino, in Italia. Un accorgimento molto simile, è stato, infatti, adottato dallo stabilimento del marchio Alfa Romeo in seguito al recente restauro dell’impianto, attuato per accogliere le moderne catene di montaggio dei nuovi modelli Giulia e Stelvio.

Schema del riciclo delle acque nello stabilimento Audi di San Josè Chiapa.
spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore