5 casi di morbillo a Trieste, Asuits: “Non è un’epidemia, situazione sotto controllo”

18.10.2018 – 08.27 – Non un’epidemia, ma solo un “focolaio“: così l’Asuits definisce i cinque casi di morbillo verificatosi a Trieste in questi ultimi giorni. Un numero elevato, ma lontano dall’essere causa di preoccupazione: “Al momento – ha affermato Roberto Luzzati, direttore del dipartimento di infettivologia dell’Azienda sanitaria universitaria integrata di Trieste (Asuits) – non possiamo parlare di epidemia, ma dobbiamo parlare di focolaio di morbillo“.

I ricoverati risultano infatti essere una donna di cinquantotto anni con una forma grave di morbillo, due infermieri che non si erano vaccinati e infine altri due cittadini, entrambi immunodepressi, che hanno sviluppato polmoniti da morbillo. Nessuno di loro sembra essere in pericolo di vita.

Il direttore sanitario dell’Asuits, Aldo Mariotto, ha sottolineato che “la situazione è sotto controllo e non desta preoccupazione”.