16.8 C
Trieste
sabato, 13 Agosto 2022

“Settembre Musicale”: la Cappella Civica festeggia 480 anni a San Giusto

27.08.2018 – 12.37 – Inizia lunedì 3 settembre, ore 20.30, nella Cattedrale di San Giusto, la 41° edizione di “Settembre Musicale“, ormai tradizionale ciclo di concerti dedicato alla musica classica, con una speciale attenzione, considerato il luogo, alla musica organistica. I concerti sono frutto della collaborazione tra la Cappella Civica, la Parrocchia di San Giusto, l’Accademia Organistica Tergestina e il Conservatorio “G. Tartini” di Trieste. Senza trascurare le tante associazioni locali, come la “Promusica” e la “Alfred Tomatis”.

Si prevedono cinque serate, distribuite ogni lunedì di settembre, fino al 1 ottobre, con un programma nel 2018 più che mai ricco e articolato. La rassegna sarà aperta, lunedì 3 settembre, da un grande nome del concertismo internazionale, quello del tedesco Ludger Lohmann, impegnato con un repertorio decisamente eclettico, che spazia dall’età barocca e romantica fino al contemporaneo. Lohmann terrà poi una masterclass nei giorni successivi, supportato in questo dall’Accademia Organistica Tergestina.

Il secondo appuntamento della rassegna, lunedì 10, vedrà l’eccellenza del ConservatorioG. Tartini” alle prese con la musica organistica. Sarà infatti il Quintetto di Ottoni del Conservatorio, con la partecipazione dell’organista Riccardo Cossi, a condurre il pubblico in un percorso musicale che troverà nella letteratura barocca di Haendel, Bach, Purcell e Stanley il proprio territorio d’elezione, con due veloci sortite nel Rinascimento veneziano dei Gabrieli e nell’Ottocento russo di Mussorgsky.

Il concerto di lunedì 17 vedrà invece impegnato l’organista Vincenzo Ninci, fiorentino, ma ormai triestino d’adozione e molto conosciuto nella scena musicale della città. Ninci presenterà nell’occasione la rielaborazione di un concerto del compositore Joseph Bonnet, tenuto proprio a Trieste novantanni fa e che ripropone il modello del “recital storico”, che si presenta come un “excursus”, con finalità pedagogico-musicologiche, lungo la storia delle letteratura organistica, dalle scuole più antiche fino al presente.

Il quarto concerto, lunedì 24, è invece dedicato ai 480 anni (1538/2018) dalla nascita della Cappella Civica: oltre alla stessa, suonerà anche l’Orchestra Giovanile San Giusto. Una collaborazione tra una realtà ultracentenaria e un’altra giovanissima (2005): il programma presenterà una prima parte prettamente orchestrale mentre nella seconda entrerà in scena anche il coro della Cappella Civica con un repertorio romantico e moderno incentrato sul mistero della Passione e Morte di Cristo.

Dopo tanta “serietà” e tanti repertori classici, perchè non concludere con una sperimentazione giocosa: il 1 ottobre, infatti, l’organo Mascioni della Cattedrale, affidato all’organista titolare Riccardo Cossi, dialogherà con un bajan, una fisarmonica cromatica russa a bottoni, e con il fisarmonicista Maurizio Marchesich. Il programma sarà quasi interamente dedicato alla grande figura di Johann Sebastian Bach. La tradizione e l’innovazione risulteranno così congiunte in un singolo concerto, per un arrivederci alla 42° edizione, nel 2019.

spot_img
Avatar
Zeno Saracinohttps://www.triesteallnews.it
Giornalista pubblicista. Blog personale: https://zenosaracino.blogspot.com/

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore