Stadio Rocco, continua la riqualificazione. Investimento di quasi 6 milioni di euro

28.06.2018 – 20.10 – Riqualificare lo Stadio Rocco, non solo per ospitare i Campionati Europei Under 21 (previsti per giugno 2019), ma per trasformare a tutti gli effetti il vecchio impianto in uno tra i 5/6 stadi in Italia capace di gestire incontri di livello internazionale. E’ questo l’obiettivo dell’Amministrazione comunale di Trieste, ribadito oggi – giovedì 28 giugno – nel corso di un sopralluogo fatto sul posto dai rappresentanti delle Istituzioni, che hanno verificato lo stato di avanzamento dei lavori.

Si tratta -hanno spiegato il sindaco Roberto Dipiazza e l’assessore Elisa Lodi– di un intervento importante il cui valore finale sfiorerà i 6 milioni di euro. L’intervento prosegue nel rispetto dei tempi prestabiliti, con l’obiettivo di vedere ultimata una fase funzionale per fine settembre- inizio ottobre, per consentire il regolare avvio della nuova stagione agonistica 2018/2019 della Triestina.

Già realizzati i nuovi spogliatoi della squadra di casa con le aree servizi, si sta proseguendo con gli interventi per gli spogliatoi della squadra ospite e per la sala stampa, come pure è ben visibile il totale rifacimento del terreno di gioco che potrà contare su un nuovo sistema di drenaggio. In atto anche la sostituzione dei seggiolini per gli spettatori, dove sono già stati tolti tutti quelli vecchi. Si passerà da una capienza di 26 mila posti ad una molto più comoda, adeguata e funzionale di poco superiore ai 21 mila (con circa 7000 posti per le due curve e 14.000 per le due tribune).

La colorazione dei seggiolini sarà rossa, con sfumature bianche. Le due tribune avranno una grande alabarda, mentre l’altra riporterà la data 1918-2018, rispettivamente date di nascita e del centesimo compleanno della Triestina. La “Curva Furlan” vedrà stampato il suo nome, mentre l’altra curva riporterà la scritta “Città di Trieste”. I lavori vedranno anche lo spostamento delle panchine del campo, fuori dal terreno di gioco, sulle le prime file della tribuna e ancora l’abbattimento delle barriere. Inoltre è stata fatta una specifica richiesta di finanziamento alla Figc per dotare l’impianto di maxi schermo 10×6.