ANIMA(L)RAVE: dal 4 febbraio etica e avanguardia a villa Manin

29.1.2018 | 22.05 – In occasione dell’inaugurazione del restauro dell’area espositiva della barchessa di Levante della storica villa Manin, gioiello architettonico incastonato nella pianura friulana, verrà inaugurato il 4 febbraio 2018 un evento culturale promosso da RAVE East Village Artist Residency: ANIMA(L)RAVE (4 febbraio – 11 marzo 2018). La mostra, curata da Daniele Capra, Isabella e Tiziana Pers, vede la collaborazione e il supporto dell’ERPAC, della Regione Friuli Venezia Giulia, di MUSIZ Foundation, Trieste Contemporanea – Dialoghi con l’Arte dell’Europa Centro Orientale, Gallinea in Fabula, OIPA Udine, ALL/Associazione Laureati in Lingue dell’Università degli Studi di Udine, Creaa – Innovazione Creativa e Vulcano Unità di produzione Contemporanea.

[articolo di approfondimento su centoParole Magazine – di Marco Rago]

L’evento friulano è costituito dall’esposizione al pubblico delle opere di Regina José Galindo, Igor Grubić, Ivan Moudov, Adrian Paci, Diego Perrone e Tomás Saraceno durante la loro permanenza in regione. I loro lavori, per lo più elaborati video e performance sensoriali, intendono stimolare nel visitatore una riflessione sul rapporto tra l’uomo e gli animali, la sensazione di vuoto che si crea nei luoghi in cui la vita degli animali viene spenta, le distorsioni che si celano dietro il mondo dello sfruttamento animale e la necessità di porsi in una nuova prospettiva, sia verso gli animali che verso il mondo in generale, più genuina e autentica.

[immagine: Regina Josè Galindo, La oveja negra, performance 2014]