33.6 C
Trieste
lunedì, 4 Luglio 2022

Tre concerti al Teatro romano dei Pinkover con “Live at Pompei” e “The Dark Side of The Moon”

25.7.2017 | 19.22 – Uno straordinario, e per certi versi inatteso, successo di pubblico, tale da “costringere” gli organizzatori a proporre un’ulteriore imprevista replica. Questa la situazione comunicata, con una conferenza stampa “ad hoc” svolta in loco, ovvero presso il Teatro Romano di Trieste, per annunciare una terza serata, rispetto alle due originariamente previste, per la prossima, attesa riproposizione, ai primi di agosto, dello storico concerto-film ”Pink Floyd: live at Pompeii” da parte della band triestina dei “Pinkover”.

A renderlo noto sono intervenuti l’Assessore comunale allo Sviluppo Economico e Turismo Maurizio Bucci, Davide Casali presidente dell’Associazione Musica Libera promotrice del XIV Trieste Summer Rock Festival, dedicato al Rock Progressive, nel cui programma si inserisce anche questo speciale evento di omaggio al famoso gruppo britannico e i protagonisti stessi del concerto, ovvero i “Pinkover”, oggi presenti con Federico Mreule, Michele Zabucchi e Dario Degrassi.

La notizia è dunque che nonostante la programmazione di una prima serata che si terrà mercoledì 2 agosto e che sarà gratuita, secondo una consolidata tradizione del Summer Rock Festival triestino (a tale proposito, i biglietti d’invito potranno venir ritirati – massimo due biglietti per ogni persona richiedente – presso gli uffici comunali di via Procureria 2, sede dell’URP e di Europe Direct, nel pomeriggio di lunedì 31 luglio, a partire dalle ore 15 e fino a esaurimento), i biglietti stavolta a pagamento, del costo di 10 Euro per persona, relativi a una seconda serata fissata per il il giorno successivo, giovedì 3 agosto, più specificamente “pensata” per coloro che desiderano godersi lo spettacolo “più tranquillamente”, con la sicurezza della prenotazione del proprio posto a sedere, sono andati comunque esauriti già da una settimana, nonostante la richiesta di un, pur accessibile, pagamento e nonostante che il Teatro Romano contenga ben 600 posti.

Tra i 600 biglietti già venduti e i 600 gratuiti che, verosimilmente in poche ore, andranno esauriti lunedì, saranno dunque almeno 1200 i triestini e i turisti a godere di questa iniziativa. Ma poiché i segnali di una richiesta ancora forte e fin qui inevasa sono molteplici, “segno evidente – hanno osservato Bucci e gli altri organizzatori – della grande capacità di attrazione che la fascinosa musica d’annata dei Pink Floyd tuttora esercita su molti, non potevamo non rispondere a questo forte desiderio. Da cui la decisione, presa assieme a “Musica Libera” e ai “Pinkover”,  con la fondamentale collaborazione e adesione della Soprintendenza all’Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia, di dar vita a una terza serata, venerdì 4 agosto, anch’essa con un biglietto d’ingresso di 10 Euro, con il medesimo programma e con lo stesso orario d’inizio, alle ore 21.”

“E almeno quattro – ha detto ancora l’Assessore Bucci – sono i motivi di questa scelta: perché queste sono le pagine tra le più belle della storia del rock e il successo non può mancare; perché questi nostri ‘ragassuoli’ (i “Pinkover”, n.d.r.) sanno ‘incarnare’ i Pink Floyd e interpretare questa bellezza nel modo musicalmente più efficace e preciso, filologicamente quasi maniacale; perché la stupenda cornice del Teatro Romano di Trieste ci può davvero regalare emozioni molto vicine a quelle dell’Arena di Pompei del 1971; perchè, di conseguenza, vi sarà un ampio successo di pubblico, tra il quale molti saranno i turisti, e la miglior accoglienza e capacità di offerta rivolta ai visitatori della nostra città è uno degli obiettivi primari di questa Amministrazione.”

Da rilevare che, a testimonianza di ciò, tra i presenti all’odierna presentazione vi era anche una turista australiana, proveniente da Sidney, che ha dichiarato di aver inserito Trieste nel suo “tour” europeo proprio per essere stata incuriosita e attratta dall’annuncio di questo concerto con l’imperdibile musica dei Pink Floyd inserito in un sito così particolare come il Teatro Romano, che ha definito “impareggiabile e fantastico”. E mentre Davide Casali ha illustrato alcuni aspetti organizzativi e ringraziato la  Soprintendenza per l’indispensabile e preziosa collaborazione, è toccato a Mreule, Degrassi e Zabucchi precisare i tratti di un programma che vedrà in una prima parte – come detto – la band dei “Pinkover” trasportare il pubblico nell’incredibile atmosfera del film-concerto che ha visto protagonisti i Pink Floyd a Pompei nel 1971 (poi completato a Parigi nel 1972) e, in una seconda parte, “imperdibile – hanno detto – per gli amanti del genere”, l’esecuzione dell’intero album di “The Dark Side of The Moon”, del 1973.

Interpreti di questo particolare concerto saranno Federico Mreule chitarra e voce, Michele Zabucchi chitarra e voce, Alessandro Conte batteria, Francesco Cainero basso e voce, Dario Degrassi tastiere, Matteo Verazzi sax, e poi Alexia Pillepich, Elisa Ritossa e Elena Vinci voce e cori.

Per le due serate a pagamento i biglietti (ciascuno al prezzo di 10 Euro + diritti di prevendita) sono acquistabili al Ticketpoint Trieste, in Corso Italia 6/c (orario 8.30–12.30 e 15.30–19).

Nell’occasione sono stati ricordati anche gli altri appuntamenti del XIV Trieste Summer Rock Festival, tutti al Cortile delle delle Milizie del Castello di San Giusto:

– sabato 29 luglio, alle ore 19.30, “Concerto del Ventennale” dei “Rhapsody of Fire”, gruppo  fondato a Trieste negli anni ’90; ospite speciale della serata la band hard rock dei “Fist of Rage”;

– sabato 5 agosto, con inizio alle ore 16.30, un appuntamento speciale con “Music is for Winners”: era il motto del giovane musicista Samuele Orlando scomparso a marzo di quest’anno cui viene dedicato un “concerto tributo” di più di 20 band triestine dove Samuele suonava. Una grande festa della durata di più di 8 ore per ricordare un ragazzo gentile e sempre disposto ad aiutare gli altri, tra i fondatori – tra l’altro – del Trieste Summer Rock Festival fin dalla sua prima edizione;

– domenica 6 agosto, alle ore 21, sarà la volta di Billy Cobham & Stanley Jordan Project feat. Christian Galvez. Una leggenda della chitarra come Stanley Jordan incontra il mito indiscutibile della batteria Billy Cobham, due artisti americani che hanno fatto la storia della musica, cui si unirà il bassista cileno Christian Gálvez. E nel corso della stessa serata anche il giovane emergente triestino Emanuele Grafitti.

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore