20.9 C
Trieste
sabato, 2 Luglio 2022

Sanità: nuovi responsabili al Servizio 118 e al Dipartimento ad Attività Integrata di Medicina

31.1.17 | 16.10 – Partono da domani – 1 febbraio – gli incarichi dei nuovi responsabili del Servizio 118 e del Dipartimento ad Attività Integrata di Medicina, rispettivamente attribuiti al dott. Alberto Peratoner e al dott. Giuliano Boscutti.

Il dott. Alberto Peratoner (nella foto) – 45 anni – medico rianimatore e specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni, dal 2001 in servizio presso il Dipartimento di Medicina Perioperatoria Terapia Intensiva ed Emergenza presso l’ospedale di Cattinara, vanta un’esperienza quindicinale in sala operatoria, terapia intensiva ed emergenza extraospedaliera.

Nel 2005 ha lavorato con Emergency a Kabul per 5 mesi. Dal 2007 è medico del Servizio regionale di Elisoccorso. Per anni si è dedicato allo studio e alla ricerca nei pazienti critici con patologie polmonari sottoposti a ventilazione meccanica, producendo numerose pubblicazioni in quest’ambito.

Dal 2013 è Coordinatore locale responsabile della Struttura Semplice di prelievo d’organi e collabora attivamente nell’ambito della Rete regionale e nazionale trapianti con attività di organizzazione, formazione e sensibilizzazione sulla tematica della donazione e trapianto d’organi.

Da qualche anno Peratoner ha rivolto le proprie attenzioni alle problematiche dell’arresto cardiaco extra ed intraospedaliero, contribuendo alla creazione del gruppo interaziendale sullo studio ed implementazione dei percorsi di cura e prevenzione dell’arresto cardiocircolatorio, divenendo referente per Trieste del Registro Italiano Arresti Cardiaci dell’Italian Resuscitation Council.
È docente e tutor della Scuola di specializzazione in Anestesia e Rianimazione dell’Università di Trieste, istruttore di BLSD (basic life support) e istruttore nazionale certificato di Simulazione Medica avanzata presso il centro Simulearn di Bologna.

Da 10 anni inoltre è attivo all’interno di AAROI EMAC (Associazione nazionale degli anestesisti rianimatori ospedalieri e medici dell’emergenza e area critica) di cui attualmente è rappresentante per la provincia di Trieste.

Il dott. Boscutti, nuovo responsabile del Dipartimento ad Attività Integrata di Medicina, è nato a Udine nel 1959; già direttore della Struttura Complessa di Nefrologia e Dialisi dell’Azienda Sanitaria Isontina, dal 2012 alla guida della S.C. di Nefrologia e Dialisi di Trieste, sede aggregata della Scuola di Specializzazione dell’Università di Verona, è autore di numerose pubblicazioni su riviste nefrologiche di rilievo nazionale ed internazionale ed organizzatore di numerosi convegni anche di rilevanza nazionale.

Dall’insediamento nella struttura giuliana, il dottor Boscutti ha iniziato un programma di estensione della Dialisi peritoneale sul territorio che vede oltre 40 pazienti in trattamento dialitico domiciliare che, da soli, rappresentano oltre il 20% sul totale dei pazienti dializzati.

Non di minore importanza è l’attiva partecipazione alla rete regionale trapianti, con lo scopo di garantire ai pazienti giudicati idonei la forma più efficiente di trattamento sostitutivo renale.

Tra le collaborazioni scientifiche in atto si segnala in particolare il progetto di ricerca “Studio delle determinanti genetiche delle nefropatie glomerulari primitive e secondarie”, in partnership con il Medical Center della Columbia University di New York.

Il dott. Boscutti è stato membro del Direttivo della Sezione Triveneta della SIN ed è Direttore Scientifico del Registro Regionale Dializzati della Regione FVG e Chairman per il Friuli-Venezia Giulia nella Commissione Nazionale del Registro Italiano di Dialisi e Trapianto.

Fra le strutture comprese all’interno del Dipartimento ad Attività Integrata affidato al dott. Boscutti, figurano le strutture complesse di: Clinica Medica, I Medica, III Medica, Medicina Clinica, Nefrologia e Dialisi, Clinica Patologie del Fegato.

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore