11.4 C
Trieste
lunedì, 5 Dicembre 2022

zuccon

 CRONACA Rapinatori rapinano 300 – 400 mila euro da un furgone blindado di un istituto di vigilanza privato e scapano a piedi.

30.10.2012 | 9.20 – Questa mattina intorno alle 5:30, un furgone blindato che viaggiava nel tratto stradale tra Brescia e Milano è stato assaltato da almeno 10 persona.

I rapinatori sono scesi da un’auto e hanno cominciato a sparare contro il blindato alcune raffiche di kalashnikov e con una sega circolare, detta flex, hanno tagliato il portellone posteriore del mezzo, lo stesso strumento utilizzato per alcune rapine verificate in passato, riferiscono polizia e carabinieri. I rapinatori sono riusciti a impossessarsi di tutto il denaro, circa 300 – 400 mila euro ed a scapare a piede dove hanno raggiunto i complici che li attendeveno a bordo di alcune automobili nella corsia opposta, e prima di allotanarsi, uno di loro ha dato alle fiamme le vetture usate per sbarrare la carreggiata, prima dell’ arrivo delle pattuglie della Polstrada.

“Ho pensato di poter morire, è stato terribile” racconta Giuseppe Errani, la guardia giurata bresciana che era alla guida del mezzo, con ancora davanti agli occhi i terribili istanti vissuti assieme ai due colleghi dell’istituto di vigilanza G8.

Racconta: “Ci hanno affiancato, la strada era bloccata, hanno cominciato a sparare, i colpi di kalashnikov hanno scheggiato il parabrezza che per fortuna non ha ceduto; poi, mentre tutto intorno era in fiamme, sono scappati”.

Secondo le forze dell’ordine è una nuova rapina ad opera della cosiddetta “banda dei sardi”, che avrebbe come capo il latitante Artu Cossu, inserito tra i ricercati piu pericolosi da parte del ministerio dell’Interno.
 

Gessica V. Zuccon

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore