25.7 C
Trieste
lunedì, 27 Giugno 2022

Clima, Zanin all’assemblea UE: “Dati certi per decisioni razionali”

23.06.2022 – 16.20 – I cambiamenti climatici sono sotto gli occhi di tutti, basti pensare alla siccità che attanaglia l’Italia del nord e lo stesso Friuli Venezia Giulia, o alle terribili alluvioni che stanno seminando distruzione, con danni incalcolabili, in alcune parti dell’Asia. Lo ha detto oggi ad Alimos, in Grecia, il presidente del Consiglio regionale, Piero Mauro Zanin, durante la seduta della Commissione Civex del Comitato europeo delle Regioni (CdR), di cui è vicepresidente. “Negare la realtà sarebbe miope – ha dichiarato Zanin – ma al tempo stesso non si deve andare alla ricerca di soluzioni semplicistiche basate su analisi superficiali. Al contrario, si rende necessario un dialogo con il mondo della scienza, le università e i centri della ricerca: solo dati certi, verificabili e basati su evidenze scientifiche possono essere alla base delle decisioni che verranno prese per adottare una regolamentazione in grado di governare il fenomeno in modo razionale. E comunque le decisioni finali dovranno essere prese dalla politica, ad ogni livello, che si dovrà assumere la responsabilità di trovare il migliore equilibrio tra sostenibilità sociale, economica e ambientale volta al progresso delle comunità e in generale dell’umanità”.

Fondamentale, poi, sempre secondo Zanin, è “il ruolo delle Regioni, che sono in prima linea nell’affrontare le conseguenze dei cambiamenti climatici: devono essere loro attribuite funzioni di progettazione e pianificazione, e non solo meramente consultive, in merito alle azioni per il clima che verranno poi adottate dalle istituzioni europee. Solo grazie alla loro competenza, basata sulla conoscenza diretta del territorio, sarà possibile – sostiene ancora il presidente della massima Assemblea legislativa Fvg – “giungere alla preparazione e attuazione di piani di adattamento e mitigazione che tengano conto delle condizioni ambientali e, soprattutto, delle esigenze socioeconomiche locali”.

Dialogo tra enti subnazionali e scienza come strategia e chiave di volta per contrastare i cambiamenti climatici in atto, dunque: tutto questo anche in ossequio al principio del “legiferare meglio”, quella “better regulation” sulla quale Zanin sta lavorando da tempo, e che lo ha visto relatore di un parere di iniziativa approvato lo scorso dicembre dal Comitato delle Regioni.

cs

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore