25.7 C
Trieste
lunedì, 27 Giugno 2022

Omnibus, ok a provvedimenti su Attività Produttive e Turismo

25.05.2022 – 18.30 | Disco verde da parte dell’Aula anche per i provvedimenti in tema di Attività produttive e Turismo del disegno di legge 165 Omnibus. I contenuti promossi vanno dalle risorse concesse per le domande di brevetto, fino al Progetto Alto Adriatico 2022-24; dal contributo per i lavori al PalaPredieri di Piancavallo (Pordenone) all’utilizzo delle risorse 2022 per il finanziamento delle unità abitative ammobiliate a uso turistico dell’anno 2021. Per arrivare poi alla proroga dei termini di unificazione dei Fondi di rotazione e all’abbattimento dell’importo delle commissioni delle garanzie a favore delle imprese, nonché alle aree destinate a insediamenti industriali e artigianali misti a quelli commerciali. Il Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, riunito a Trieste per la seconda giornata consecutiva, ha ripreso i lavori relativi all’esame dell’articolato della Legge regionale multisettoriale 2022 (erano state già archiviate ieri sera le Disposizioni in materia di relazioni internazionali, nonché di biodiversità e pesca sportiva) approvando a maggioranza gli articoli dal 10 al 20 (l’intero capo III), ai quali si aggiungono i due passaggi supplementari scaturiti da altrettanti  emendamenti presentati in aula.

L’espressione nei confronti di questi passaggi del provvedimento composito si è sviluppata a partire dall’ampio dibattito seguito all’istanza modificativa di ispirazione leghista volta a consentire l’inoltro delle domande di ristoro per semplice via telematica, bypassando l’obbligo di utilizzare raccomandata o Posta elettronica certificata (Pec). Obiettivo dichiarato quello di velocizzare i tempi sotto l’incalzare della crisi dovuta al conflitto bellico in Ucraina, favorendo la semplificazione dell’iter e aiutando le aziende con un allargamento progressivo degli strumenti che facilitano le loro azioni. Un provvedimento che ha suscitato inutilmente la perplessità degli esponenti di Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Il Gruppo Misto, dal canto suo, ha deciso di ritirare un emendamento volto a difendere la capacità creativa, autorizzando l’Amministrazione regionale a concedere contributi per azioni proattive di sollecitazione e di consulenza presso le aziende ai fini di fare richiesta di contributo. Tutto ciò nell’ambito della norma, invece votata positivamente, votata all’utilizzo di fondi per il finanziamento delle domande di brevetto, utilizzando quelli stanziati nel bilancio per l’anno 2022 anche per le richieste presentate nel 2021.

Via libera a PromoTurismo Fvg per l’utilizzo delle economie per il Progetto Alto Adriatico 2022-24 e, nello specifico, della parte non utilizzata nel biennio 2020-21 a copertura di analoghe spese sostenute e da sostenersi nel 2022. Idem per la conferma del contributo per la ristrutturazione e l’adeguamento funzionale del PalaPredieri nell’ambito dell’Eyof Fvg 2023 – Festival Olimpico della Gioventù europea. In tal senso, l’esponente dell’Esecutivo regionale competente in materia ha precisato che, giacché la struttura necessita di interventi complessi, i fondi sono stati momentaneamente girati su altre urgenze con la garanzia di confermare comunque il progetto legato allo stadio del ghiaccio. La proroga dei termini di unificazione dei Fondi di rotazione, tenuto conto della necessità di ottemperare agli  adempimenti tecnici concernenti la costituzione e l’operatività di Fvg Plus Spa, viene inoltre portata a un massimo di sei mesi (nonostante consiglieri del Misto e del Pd avessero suggerito, proposta bocciata, l’opzione 12 o addirittura 18 mesi).

Voto favorevole anche sulle norme incentrate sul cda del Consorzio di sviluppo economico locale di Area giuliana (Coselag) e sull’ulteriore abbattimento dell’importo delle commissioni delle garanzie a favore delle imprese. Respinte, invece, le proposte dem per consentire al Cai di esprimere parere tecnico non solo sulla nuova sentieristica, ma anche su interventi e opere che alterare o possono alterare in maniera sostanziale quella esistente. Opposizione contraria ma emendamento della Lega comunque votato a maggioranza, infine, per consentire il miglior utilizzo delle risorse destinate all’attuazione dei Progetti integrati di Sviluppo urbano sostenibile (Pisus) con termine di ammissibilità delle spese sostenute dai beneficiari prorogato al 30 ottobre
2022.

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore