7.6 C
Trieste
sabato, 3 Dicembre 2022

Il Venjulia Rugby femminile inizia col botto. Stefani: “Non poteva esserci esordio migliore”

15.11.2021 – 18.21 – Domenica 14 novembre si è tenuto a Pordenone il primo concentramento di Coppa Italia, che ha visto dominare la compagine delle giocatrici del Venjulia su tutte le altre squadre partecipanti. Sarà sicuramente soddisfatto l’allenatore Bruno Iurkic, al suo esordio con la femminile, che ha visto spiccare le sue atlete nelle tre partite disputate domenica.
La prima partita del girone, disputata contro il Pordenone, ha messo subito in evidenza la grande crescita della squadra, che solo nel primo tempo ha segnato ben tre mete con Clean.
Ritmo alto in attacco e salita veloce in difesa, hanno portato la squadra a segnare, nel secondo tempo, altre tre mete con Castellan, Babini e Blaskovic. Tutte e sei le mete trasformate con successo dal numero 9 Alessia Babini, che ha portato il risultato finale sul 42 a 7.

Nella seconda partita del girone le giuliane hanno poi affrontato il Mirano, squadra che in passato è sempre risultata nettamente superiore alle triestine. Iniziata la partita sulla difensiva, il Mirano riesce subito a segnare due mete che fanno scattare d’orgoglio il Venjulia, portandolo a prendere in mano la partita e segnare tre mete con Clean e una con Babini, che ne trasforma 3 su 4 portando il risultato finale sul 14-26 per il Venjulia.

Dominato il girone non rimaneva che scontrarsi con la squadra vincitrice del girone opposto, il Montebelluna, che come tutte le squadre venete si presenta con molta esperienza e allenamento alle spalle. Partita molto dura e tesa tanto da portare il Venjulia a giocare negli ultimi 3 minuti di partita senza una giocatrice, esclusa per aver ricevuto un cartellino giallo. La superiorità numerica porta il Montebelluna in vantaggio, ma l’ultima azione della partita vede Castellan segnare la meta decisiva, portando il punteggio finale sul 21-17. Punteggio che mette in mostra l’esperienza e la forza di Blaskovic e Babini, che segnano nella finale una meta ciascuna. Trasformate tutte le mete.

Le parole della capitana Francesca Stefani: “Non ci poteva essere esordio migliore in questa nuova stagione. Indossare nuovamente la divisa dopo quasi 2 anni di stop è stata una grande emozione per tutte. Abbiamo sfruttato il periodo di fermo per allenarci sodo e con costanza e i risultati non sono mancati. ‘Mai molar!’ e avanti così in attesa del prossimo incontro”.
Woman of the match: Valentina Decarli 

di Martina Clean

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore