33.6 C
Trieste
lunedì, 4 Luglio 2022

Trieste, positivi in aumento, si accende il dibattito sui “contagi transfrontalieri”

17.11.2021 – 11:00 – Si è svolta ieri, nell’ambito della III Commissione presieduta dal consigliere leghista Ivo Moras, l’assemblea con il Vicegovernatore di Regione del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, ed i consiglieri regionali. Al tavolo, svoltosi parzialmente in presenza e via telematica, Riccardi ha reso noto che nell’ambito della nostra Regione la campagna vaccinale Covid sta facendo registrare dati inferiori alla media italiana, in particolar modo a Trieste; città particolarmente sensibile in quanto sita in un territorio di confine estremamente vicino a Paesi europei dove il numero di contagi nelle ultime settimane è cresciuto in maniera esponenziale quali Slovenia, Croazia e Austria (Carinzia). Inoltre, il Capoluogo Giuliano è reduce dall’aver ospitato un cospicuo numero di manifestazioni e cortei “No Green Pass” i quali hanno alimentato l’insorgere di numerosi focolai.

“Alla data del 4 Novembre – ha dichiarato noto Riccardi – l’incidenza di contagi in Friuli Venezia Giulia era pari a 127,3 contagi ogni 100.000 abitanti, seconda solo alla Provincia Autonoma di Bolzano la quale ne contava 154,1. E anche in quel caso – ha osservato il Vicegovernatore – si tratta di un’area di confine”. A riguardo, si è espresso il Consigliere Regionale del Gruppo di Fratelli d’Italia, Claudio Giacomelli il quale ha dichiarato che sarebbe opportuno che “tutta la comunità regionale chieda al Governo misure immediate sul piano delle politiche di sorveglianza sanitaria transfrontaliera”.

“Bisogna considerare – ha continuato Giacomelli – che a Trieste è stimata la presenza regolare di oltre 12.000 lavoratori transfrontalieri, senza contare le migliaia provenienti da oltre confine impegnati nei numerosissimi cantieri che costellano la città grazie al bonus del 110%”. A riguardo, il consigliere patriota ha chiesto al Vicegovernatore se fosse possibile fare una stima in merito all’incidenza dei contagi provenienti da oltre confine. A questo proposito, Riccardi è stato molto chiaro, dichiarando che l’incidenza estera rappresenta uno degli elementi più importanti nella nuova diffusione della pandemia e che la sorveglianza sanitaria all’interno dei paesi europei non sta funzionando.

“Alla luce delle dichiarazioni del Vicepresidente Riccardi, che condivido e sottoscrivo, – ha concluso Giacomelli – diventa necessario, oltre al proseguimento delle altre consuete misure di contenimento, anche un forte e deciso richiamo al rispetto delle misure di protezione transfrontaliere, sia da parte dei nostri organismi di vigilanza sia da parte dei paesi comunitari confinanti che non sono riusciti a contenere il contagio come l’Italia”.

Dello stesso parere anche il Consigliere del Carroccio, Ivo Moras, nonché Presidente della suddetta Commissione, il quale tuttavia ha voluto sottolineare quanto abbiano inciso sulla crescita dei contagi nella nostra area sia lo svolgimento dei cortei “No Green Pass” quanto l’insufficiente percentuale di cittadini vaccinati rispetto al resto della Penisola (1 non vaccinato ogni 5 residenti in FVG e nell’area della Provincia di Trieste il rapporto diventa di 1 su 3, con il 30% della popolazione che ha ritenuto di non immunizzarsi).

“L’invito che mi sento di fare – ha affermato il leghista – è quello di vaccinarsi. Non mi stancherò mai di ripetere che il vaccino è l’unica arma concreta che abbiamo per difendere noi stessi e gli altri dalla pandemia. Non possiamo sottrarci dal dovere di tutelare la salute pubblica e così di salvaguardare l’economia“.

Continuando a discutere il merito al tema contagi, il Consigliere del Movimento 5 Stelle, Andrea Ussai, ha invitato la Giunta a mettere in evidenza con i mass media il drastico calo di contagi nelle case di riposo grazie alla campagna di vaccinazione, chiedendo al Vicegovernatore Riccardi un report numerico suddiviso per provincia. Ne è emerso che a Trieste l’incidenza è di 510 casi ogni 100.000 abitanti, a Gorizia di 180, a Udine di 120 e a Pordenone sotto i 90.

 

 

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore