I suggerimenti di Elena Padovese ai futuri maratoneti Micap che stanno preparando Berlino 2021

08.05.2021 – 10.30 – Nonostante la pandemia, la pioggia e le intemperie si è svolta con successo domenica 2 maggio la Trieste Half Marathon di 21 km: un’organizzazione impeccabile, che ha permesso anche in questo difficile 2021 lo svolgimento di una delle gare più amate dai triestini, con oltre 1.000 partecipanti. Ne parliamo con Elena PadoveseLife coach specializzata in forma fisica raggiunta con la corsa che vi ha partecipato assieme a un gruppo di studenti e futuri Coach del MICAP, Master Internazionale in Coaching ad Alte Prestazioni condotto da Roberto Cerè. La mezza maratona di Trieste è stata per loro uno dei test intermedi in preparazione alla maratona di Berlino in programma il 26 settembre, una delle prove che gli studenti del master devono superare per ottenere la certificazione, e per la quale sono allenati da Elena.
“La maggior parte di loro era alla prima esperienza con una mezza maratona, e grazie al loro impegno degli ultimi mesi che li ha visti attivi in una preparazione iniziata da zero, ciascuno a superato il proprio test, nonostante la pioggia e il cambio di percorso dell’ultimo momento dovuto a motivi logistici. E’ stato bellissimo per me rivivere per loro l’emozione della prima mezza maratona”

Una preparazione, quella per la mezza maratona, racconta Elena, non solo fisica ma anche e soprattutto mentale. “Il giorno prima della gara abbiamo fatto un lavoro di gruppo tutti assieme: la prima parte della giornata è stata dedicata alla tecnica di corsa, con analisi ed esercizi specifici nella pineta di Barcola, mentre nel pomeriggio abbiamo lavorato sulla strategia di gara e sulla focalizzazione mentale, con time linevisualizzazione guidata dell’obiettivo“. Quest’ultima in particolare, spiega, è uno strumento essenziale per il life coach, proprio perché “serve a pianificare un traguardo vivendolo in anticipo, raggiungendolo in un certo senso ‘prima di averlo fatto nella realtà’. In questo modo, quando lo si va ad affrontare si ha la sensazione di averlo già fatto e quindi maggior forza e sicurezza di riuscire”.

Che sia una mezza maratona o una maratona completa è infatti soprattutto una questione di testa, continua Elena Padovese: “negli sport di resistenza a un certo punto subentra la gestione mentale della distanza: quando il corpo sta esaurendo le energie e subentra la stanchezza vera, la nostra mente può fare due cose, concentrarsi sulla fatica e mandare l’intero sistema in crisi, oppure rimanere focalizzata al traguardo entrando in quello stato di “trance” in grado di alleviare ogni sensazione fisica. La time line è uno degli strumenti che il life coach utilizza per allenare questa capacità”.

Infine, in merito agli errori principali da evitare, conclude Elena, “la prima regola è, soprattutto per chi parte da zero, avere il supporto di una guida esperta, evitare il fai da te insomma. La seconda regola è seguire una progressione di carico di lavoro, puntando a un lavoro di qualità: non pensare che più si corre e più ci si allena“. Per quanto riguarda poi la gara in sè, “è importante avere un obiettivo di tempo perché questo permette di mantenersi focalizzati mentre si corre e, allo stesso tempo, di stabilire una strategia di ritmo“. Il classico errore è infatti quello di essere talmente trascinati dalla folla presente sulla linea di partenza che si parte troppo veloci, rischiando di inficiare il resto della gara. “Bisogna invece partire piano, disegnando una strategia chilometro per chilometro, in modo tale che l’organismo si adatti e riscaldi bene”. Infine, “è fondamentale bere subito al primo ristoro: l’idratazione andrebbe fatta sempre ad ogni occasione”. Fondamentale, conclude Elena, è poi l’autoascolto: “Saper ascoltare il proprio corpo – e la propria mente – durante la corsa è un aspetto imprescindibile per una buona riuscita della gara e non solo. La corsa in sé ti permette di conoscerti, e questo vale anche per chi parte da zero”.

“Ho scritto il libro Trasforma la tua vita attraverso il movimento (Mind Edizioni) rivolgendomi proprio a coloro che desiderano iniziare a muovere i primi passi anche da zero per rimettersi in forma e approcciare gradualmente la corsa fino a raggiungere anche, per chi lo vuole, il traguardo dei 21 km. Questo libro riassume il metodo di coaching che utilizzo con le persone ormai da anni”.

Visita il sito di Elena Padovese https://elenapadovese.it/

[network]