Porto di Trieste, sono 26 le aziende con agevolazioni “forza motrice”

07.04.2021 – 08.42 – La corrente legislazione prevede un trattamento agevolato per i consumi di idrocarburi da parte di macchine adibite a carico/scarico delle merci dalle navi ai moli: un’eccezione nella normativa delle accise che consente risparmi notevoli.
In quest’ambito i funzionari dell’Agenzia delle dogane e monopoli di Trieste hanno effettuato un controllo della strumentazione fiscale installata sui mezzi adibiti alla movimentazione dei carichi in ambito portuale, per una delle società operanti presso il molo 57 dello scalo giuliano. Si è dunque verificato in quali casi effettivamente andava applicata l’agevolazione, distinguendo da caso a caso. Laddove le condizioni lo consentissero, i funzionari ADM hanno eseguito le istruttorie di rimborso.

Non si tratta di numeri da sottovalutare: nell’ambito dell’ex provincia di Trieste sono 26 le aziende che beneficiano dell’agevolazione “forza motrice”, per un totale di 177 mezzi autorizzati, di cui 109 nell’area del porto.
Nel corso del 2020 sono stati riconosciuti quasi un milione di euro di accrediti di imposta di cui oltre 600.000 in ambito portuale.

[i.v.]