13.6 C
Trieste
lunedì, 3 Ottobre 2022

Lampedusa, le intese sui migranti. Punto di svolta nella gestione dell’emergenza?

04.09.2020 – 17.21 – Lampedusa e migranti, l’accordo fra il governo Conte e il governatore Musumeci è un punto di svolta? Presto per dirlo. La certezza è quella che i continui arrivi delle imbarcazioni dal Mediterraneo, e soprattutto il sovraffollamento dell’hotspot (centro migranti) durante questo periodo di emergenza Covid-19 hanno destato molta preoccupazione sia nei cittadini dell’isola che, indirettamente, nel resto del paese. Gli sbarchi sulle coste lampedusane non sono una novità, ma nel contesto attuale di pandemia da Coronavirus, a cui si aggiunge lo scontro politico di fronte a un tema sensibile e non trascurabile ma spesso tradottosi in strumentalizzazione dell’aumento dei contagi dovuto agli sbarchi, si è ripreso a parlarne frequentemente e intensamente.

La perplessità sulla situazione a Lampedusa nasce soprattutto dall’oggettivo sovraffollamento del cento di raccolta di Contrada Imbriacola, in cui non sono state rispettate le norme di capienza e nemmeno lontanamente le norme di sicurezza anti Covid. A questo, si aggiunge anche la fuga di alcuni migrati dall’hotspot stesso. Stavolta la reazione dei cittadini di Lampedusa dinanzi agli sbarchi, in passato sempre aperta, è cambiata per via della crisi sanitaria pandemica e della crisi economica: il primo cittadino Totò Martello, sindaco della città, ha sottolineato che Lampedusa non è solo una città di accoglienza ma vive anche di turismo: perciò, necessita di un intervento di sostegno economico da parte dell’esecutivo.

Vertice sui migranti a Palazzo Chigi, arrivano soluzioni per Lampedusa. La svolta interessante per Lampedusa è arrivata quando il governatore Musumeci ha varato nei giorni scorsi un’ordinanza di chiusura dei centri per migranti della Sicilia, scontrandosi con il governo Conte. Ordinanza che il TAR della Sicilia ha però subito sospeso, ricordando al governatore che le “decisioni sulla gestione dell’immigrazione sono di competenza dello Stato”. Ma sembra trasparire che la posizione di Musumeci abbia spinto ora il governo Conte a velocizzare il suo intervento a sostegno di Lampedusa stessa: proprio ieri, in seguito al vertice sui migranti a Palazzo Chigi (al quale hanno preso parte i ministri Luciana Lamorgese, Luigi Di Maio, Lorenzo Guerini, Roberto Gualtieri, Paola De Micheli e il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli) sono state decise le seguenti misure:

  • Rimozione e distruzione dei barchini (operazione straordinaria): sono circa 160 le imbarcazioni che saranno demolite dopo il nullaosta della procura di Agrigento. Secondo il Viminale, si tratta del quarto intervento nell’arco del 2020 per la bonifica del porto di Lampedusa a seguito dell’intensificarsi del fenomeno degli sbarchi autonomi;
  • Contrasto dei traffici illeciti: è stata riavviata l’operazione “Pelagie” per intensificare le unità navali adibite al pattugliamento delle acque internazionali,
  • Svuotamento del centro di accoglienza, arrivato ad un picco di 1200 ospiti su una capienza di 190 posti disponibili. Il premier Giuseppe Conte ha assicurato che entro la fine di questa settimana due navi-quarantena di grandi dimensioni (intorno a 600 posti l’una) arriveranno davanti all’isola per svuotare l’hotspot di Lampedusa, accogliere i migranti e garantire misure di sorveglianza e di sicurezza sanitaria. Sembrerebbe inoltre che siano in totale 5 le navi disponibili per garantire questa operazione.
  • Aiuti economici: in seguito al vertice, il Consiglio dei ministri si è anche riunito per deliberare sugli aiuti economici. Sono previsti sgravi ed incentivi fiscali sia alle famiglie che alle imprese, in particolare la sospensione di adempimenti e versamenti, anche arretrati

Per Nello Musumeci è una vittoria: “è stata aperta una breccia in un muro che sembrava di cemento armato”. Resta ora da vedere se questo sia il preludio a un approccio diverso da parte dell’esecutivo giallorosso alla gestione del problema migranti, o se si tratti solo di un “una tantum”.

[c.a.]

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore