21.3 C
Trieste
mercoledì, 17 Agosto 2022

De Luca, indagato il “governatore anti-Covid”. Nel mirino a causa degli autisti

07.09.2020 – 12.28 – C’è chi i toni li alza parlando del Coronavirus, degli ‘untori’ e dei lanciafiamme, e chi, nel clima di ormai aperta campagna elettorale, parla d’altro. Vincenzo De Luca, prima Democrazia Cristiana ai tempi della Prima Repubblica, poi sinistra italiana e ora nella direzione nazionale del Partito Democratico – in vantaggio nelle previsioni di preferenze elettorali per le prossime elezioni amministrative rispetto al centrodestra anche un po’ (e forse non poco) proprio per le esternazioni colorite – finisce nel mirino degli inquirenti a causa dei suoi autisti. O, per meglio dire, delle loro promozioni: la Procura di Napoli ha notificato al ‘governatore di ferro’, diventato un personaggio sui media e in particolare sui Social, una indagine per falso e truffa motivata da promozioni senza qualifiche. Gli autisti, secondo gli inquirenti, avrebbero in pratica accompagnato De Luca da Salerno, città della quale è stato sindaco, a Napoli e sarebbero stati promossi in modo da far ottener loro uno stipendio più alto: uno scambio di cortesie, insomma, in Gattopardiana memoria. Come andrà a finire, è tutto da vedere.

[r.s.]

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore