22.1 C
Trieste
domenica, 2 Ottobre 2022

Coronavirus, AstraZeneca riprende la sperimentazione del vaccino. Nel mondo più contagi, meno decessi

13.09.2020 – 11.08 – La sperimentazione del vaccino AstraZeneca contro il Covid-19, sospesa nei giorni scorsi dopo il manifestarsi di effetti secondari in un paziente, riprenderà subito. L’università di Oxford, che sviluppa il vaccino assieme alla società stessa, ha ritenuto sufficienti le indagini svolte e considera sicuro il proseguimento delle inoculazioni nella comunità di volontari, ed è una notizia che il mondo scientifico ha accolto come molto positiva, giunta ben prima di quanto ci si aspettasse. I dettagli relativi alle reazioni pericolose nel volontario inglese dopo la somministrazione non sono stati per ora rivelati, e la motivazione addotta da AstraZeneca è stata la confidenzialità delle informazioni mediche; il quotidiano New York Times aveva però parlato ancora una volta di mielite trasversa, infiammazione del midollo spinale potenzialmente scatenata proprio da altre infezioni virali e che può avere conseguenze molto gravi. Un primo caso in un altro volontario, ricondotto poi a una situazione neurologica preesistente, si era già verificato settimane fa.

E il Regno Unito, secondo alcuni membri del suo comitato scientifico per il Coronavirus, sarebbe sull’orlo di perdere nuovamente il controllo dell’epidemia, con l’ormai noto fattore R tornato verso l’1,2, prima volta da marzo e un numero di casi confermati finora di 365mila. Con la constatazione però di quanto già osservato in altre nazioni, compresa l’Italia: anche se i contagi crescono il numero di decessi rimane molto basso, nove persone ieri in Inghilterra, e in maggioranza fra persone con altre condizioni mediche preesistenti. In Friuli Venezia Giulia, ieri nessun decesso, e nonostante l’aumento rilevante dei positivi al tampone le terapie intensive rimangono vuote.

[r.s.]

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore