Catturato il boss della droga, aveva commesso reati in diverse località del Friuli

15.09.2020 – 12:20 – Gli agenti della Polizia di Stato della Questura di Udine, coordinati dalla locale Procura della Repubblica, lo scorso 13 Settembre 2020 ha tratto in arresto un uomo di mezza età, cittadino marocchino, destinatario di un mandato europeo emesso il 22 Giugno 2006. L’uomo deve scontare una pena di quattro anni, cinque mesi e 23 giorni di reclusione, a causa di più condanne emesse dal Tribunale di Udine per reati commessi in diverse località del Friuli tra il 2006 e il 2009.

Nell’agosto del 2006, a Palmanova, l’uomo è stato controllato alla guida di una vettura, all’interno della quale erano nascosti dieci chili di hashish ed era stato arrestato.

Il 52enne è stato condannato per danneggiamento di beni pubblici, spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti. Nell’ambito di un’ampia indagine di P.S. l’uomo è stato individuato come figura a capo di un importante sodalizio della droga. All’interno del suo gruppo criminale, infatti, l’uomo era un punto di riferimento per gli altri associati provvedendo in prima persona all’approvvigionamento della droga dall’hinterland milanese e dal Marocco.

A seguito del provvedimento di condanna, le indagini svolte dalla Squadra Mobile di Udine, coordinata dal Vicequestore Massimiliano Ortolan, hanno permesso di accertare che il 52enne aveva lasciato l’Italia. L’uomo era così stato catalogato come latitante; trasferitosi in Francia, a Montpellier è stato individuato dagli agenti dell’Interpol. In queste ore, sono in corso le operazioni per la sua estradizione.