13.1 C
Trieste
domenica, 2 Ottobre 2022

Rotta Balcanica: rintracciati 68 migranti nella notte [Aggiornamento]

12.05.20-09.30- Questa notte ci sono stati nuovi rintracci di migranti nei pressi del bivio “H”. Sul posto, la Polizia di Frontiera ha collaborato con la Squadra Volante ed equipaggi di altri uffici di Polizia e delle Forze dell’Ordine. I 68 migranti hanno tutti chiesto asilo e sono stati avviati alle procedure d’identificazione. Accolti inizialmente nella tenda allestita dall’Esercito, saranno posti in quarantena preventiva su disposizioni per il contenimento del Coronavirus. La SAP , Sindacato Autonomo Polizia di Trieste, ci tiene a ribadire la sua posizione: “I nuovi rintracci ed il numero elevato di persone ritrovate, deve indurre con urgenza chi di dovere, a prendere decisioni tali per gestire quella che purtroppo non è più emergenza, ma ormai è tristemente normalità, quotidianità, sebbene uomini, mezzi, dotazioni ed uffici non siano quelli necessari ed adeguatamente attrezzati per affrontare una situazione simile.

Rinnoviamo l’appello affinchè si preveda l’invio di uomini in aggregazione della Polizia di Frontiera proveniente da altre provincie d’Italia, in attesa che si colmi in maniera definitiva e stanziale la carenza d’organico che in modo ancora più evidente emerge in situazioni come questa. Servono più ambienti anche per poter isolare “casi sospetti” e non mettere a rischio contagio gli operatori di Polizia. Non siamo nemmeno adeguatamente muniti di mezzi per il trasporto di queste persone. E’ ora che si prenda in considerazione in modo serio la “Rotta balcanica” che passa per Trieste e che si prendano accordi congiunti con gli altri Paesi per arginare un “mare” che sembra inarrestabile e che da soli non possiamo contrastare.”

[AGGIORNAMENTO 13:30] Sempre nel corso della mattinata, la Squadra Volante della Questura e le pattuglie del Commissariato Polo San Sabba hanno rintracciato altri 72 stranieri nei pressi di via A. Valerio, a cui si sono aggiunti 5 migranti ritrovati dalla Polizia Ferroviaria nei pressi della Stazione Centrale, 1 dalla Polizia Marittima ed altri 15 individuati sempre dai militari dell’E.I. dislocati in zona altipiano, nello specifico nei pressi di Basovizza. Gli stranieri, tutti uomini e per la maggior parte provenienti dal Pakistan e Afghanistan, camminavano a piedi, in piccoli gruppetti, per le strade vicine alla zona boschiva circostante.  Dopo un primo controllo sanitario, sono stati trasportati, anche grazie all’ausilio di Trieste Trasporti, presso i locali della Polizia di Frontiera Marittima e Terrestre per l’identificazione e gli accertamenti relativi alla posizione sul territorio nazionale.
I migranti, all’esito delle operazioni burocratiche poste in essere da personale della Polizia di Stato, militari dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e dell’Esercito Italiano, saranno trasportati presso le strutture d’accoglienza individuate dalla Prefettura, per poter trascorrere il periodo di sorveglianza sanitaria previsto dalla normativa in materia di Covid-19.

[c.s.]

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore