11.6 C
Trieste
mercoledì, 28 Settembre 2022

Emergenza Coronavirus, InCE lancia un bando da 600mila euro

28.03.2020 – 11.00 – In un clima pandemico di egoismo nazionale, l’InCE, organismo internazionale con sede a Trieste, ha scelto di devolvere i suoi fondi per aiutare il centro est Europa: dall’Italia, agli stati dei Balcani, all’Europa dell’Est. L’InCe è infatti un organismo internazionale, precedente all’Unione Europea, il cui ruolo è sempre stato di raccordo e ricostruzione del tessuto economico e sociale tra i paesi balcanici e orientali, a vantaggio del Friuli Venezia Giulia e dell’Italia.
In quest’ambito è stato lanciato un bando, “Call for Proposals“, con una dotazione finanziaria di 600.000 euro per finanziare proposte e progetti nell’ambito dei seguenti settori: sanità e telemedicina; istruzione ed e-learning; digitalizzazione delle piccole e medie imprese. Le procedure sono estremamente rapide e consentiranno di selezionare i progetti entro tre settimane, con una dotazione di 40.000 euro per i migliori.

Il segretario generale Roberto Antonione ha sottolineato come metà del budget sia stato fornito dall’Italia; un segnale incoraggiante considerando invece il disinteresse dell’Unione Europea, specie nei confronti non solo dell’Italia, quanto dei piccoli paesi balcanici senza una reale infrastruttura sanitaria.

Oltre al bando, l’InCE sta lavorando a un Vademecum, nel proprio sito web, dove i paesi membri possono trovare molte utili informazioni legate all’emergenza sanitaria. Queste spaziano dalla medicina clinica e preventiva, all’istruzione, alla sicurezza ed altro ancora.
Secondariamente si è già al lavoro per programmare una piattaforma digitale riservata agli addetti ai lavori, nella quale fornire utili informazioni in ambito medico. In questa piattaforma, alcuni importanti esperti, in particolare professionisti che hanno maturato esperienze e know-how durante la crisi italiana, sono pronti a condividere la loro esperienza dando consigli e rispondendo a richieste specifiche che potessero sorgere per i professionisti degli stati membri.

Per questa iniziativa l’InCE collabora con PROMIS, organizzazione del Ministero della Salute e delle Regioni Italiane, impegnata nell’internazionalizzazione dei sistemi sanitari attraverso l’informazione e la formazione medica.

I paesi a cui è rivolto il bando sono l’Albania, la Bielorussia, la Bosnia e Erzegovina, la Bulgaria, la Croazia, la Repubblica Ceca, l’Ungheria, l’Italia, la Moldova, il Montenegro, la Macedonia del Nord, la Polonia, la Romania, la Serbia, la Slovacchia, la Slovenia e l’Ucraina.

spot_img
Avatar
Zeno Saracinohttps://www.triesteallnews.it
Giornalista pubblicista. Blog personale: https://zenosaracino.blogspot.com/

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore