Ferriera, Scoccimarro: “Il futuro di Trieste punta su una nuova economia sostenibile”

15.01.2020 – 11.46 – Con l’esito positivo del referendum fra i lavoratori della Ferriera di Servola a Trieste, “Dopo oltre 20 anni”, ha dichiarato l’Assessore del Friuli Venezia Giulia con delega all’Ambiente, Fabio Scoccimarro, stiamo per giungere a una svolta storica per Trieste. “Appena insediato, nell’estate 2018, avevamo ben chiaro l’obiettivo tanto da ricevere delle diffide da parte della società a fronte di mie dichiarazioni in questo senso. Poi nel marzo 2019 la svolta, con l’avvio del lavoro sotto traccia di circa sei mesi, non più in contrapposizione bensì in collaborazione con l’azienda per giungere alla riconversione dell’aerea a caldo della Ferriera: il primo documento ufficiale di questo percorso, ossia la lettera del 28 agosto al cavalier Arvedi nella quale riconoscevo gli investimenti sino allora messi in atto dall’imprenditore, ma al tempo stesso evidenziavo anche come il futuro della città puntasse su una nuova economia ecosostenibile.
I passi successivi prevedevano per primo l’accordo sindacale e subito dopo la firma del nuovo accordo di programma affinché l’operazione si concludesse a ‘esuberi zero’. Prendo atto che nell’accordo sindacale la maggioranza dei lavoratori abbia condiviso il piano industriale già presentato agli enti chiamati a sottoscrivere l’accordo di programma. Ora è tempo che le istituzioni continuino a lavorare intensamente affinché quest’ultimo atto possa dare il via agli iter autorizzativi ambientali il più celermente possibile. Io e i miei uffici siamo pronti a garantire massimo impegno affinché il rilascio delle autorizzazioni avvenga nei termini temporali più ristretti tra quelli previsti dalla legge”.

[c.s.]