7.6 C
Trieste
martedì, 6 Dicembre 2022

Visitare il Teatro Verdi: storia e misteri di un tesoro di Trieste

06.12.2018 – 14.29 – Il Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste apre le sue porte non solo agli spettacoli, ma alla sua storia architettonica e artistica, che lo rendono una preziosa testimonianza tanto dell’evoluzione della città nell’Ottocento, quanto della storia del teatro. Il Teatro Verdi, costruito tra il 1798 e il 1801 dagli architetti Giannantonio Selva (lo stesso de “La Fenice” di Venezia) e Matteo Pertsch, sarà visitabile con le spiegazioni delle guide dal martedì al sabato. Nello specifico la Fondazione propone visite singole o per gruppi (anche numerosi e, su richiesta, in lingua straniera), dal martedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30 e sabato dalle 10.00 alle 16.00, al costo di 3 Euro a persona (per informazioni e prenotazioni: [email protected]).

La visita ha una durata di circa un’ora ed è molto flessibile, per contenuti e modalità, anche a seconda dell’età e degli interessi dei visitatori.
Normalmente, la partenza è prevista dal foyer, con successiva sosta in platea per una prima narrazione storica. Attraverso un percorso tra i piani dei palchi – possibile anche l’uso dell’ascensore – si arriva al secondo piano, al “Ridotto”, costruito contemporaneamente al Teatro su disegni dell’architetto Selva. Sede di memorabili balli pubblici e veglioni, a partire dal 27 dicembre 1801, il Ridotto ospitò dal 1861 fino alla costruzione del Palazzo Comunale anche il Consiglio della Città di Trieste, le cui sedute, in parte pubbliche per regolamento, potevano essere agevolmente seguite dal ballatoio. Dal “Ridotto” si prosegue alla scoperta della sala coro, della sala ballo e, infine, del loggione, per scendere poi nuovamente nel foyer del Teatro.

Dedicate a tutti gli interessati, dalle scuole di ogni ordine e grado (dall’asilo dell’infanzia all’Università della Terza Età) agli appassionati della cultura musicale e, naturalmente, ai turisti, le visite al Teatro possono essere abbinate agli spettacoli della rassegna “Sempre Verdi, da 0 a 100 (e +)”, una Stagione specificatamente ideata per avvicinare all’opera nuovo pubblico, adatta a tutti e a tutte le età. Prossimo doppio appuntamento dal 13 al 28 dicembre (molte repliche, anche la mattina alle ore 11.00): “Gianni Schicchi”, opera in un atto su libretto di Giovacchino Forzano, musica di Giacomo Puccini, Maestro Concertatore e Direttore Gianluca Martinenghi, regia Carlo Antonio De Lucia, con l’allestimento della Kitakyūshū City Opera in collaborazione con la Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste; “La Serva Padrona”, un intermezzo in musica di Giovanni Paisiello, orchestrazione di Ottorino Respighi realizzata per i Ballets Russes di Serge Djagilev, edizione critica e ricostruzione di Elia Andrea Corazza, Maestro Concertatore e Direttore Carmine Pinto Regia, scene, costumi e testi recitati di Oscar Cecchi per il nuovo allestimento della Fondazione, con l’Orchestra, Coro e Tecnici del Verdi.

spot_img
Zeno Saracino
Zeno Saracinohttps://www.triesteallnews.it
Giornalista pubblicista. Blog personale: https://zenosaracino.blogspot.com/

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore