Offre cocaina a un poliziotto, arrestato spacciatore “in trasferta”

20.06.2018 – 16.50 – Un poliziotto della Squadra Mobile della Questura, durante una pausa dal lavoro, ha arrestato uno spacciatore proveniente dalla Slovenia, che aveva tentato di vendergli una dose di cocaina nascosta sul fondo di un accendino.

Il poliziotto aveva deciso di concludere una dura giornata di lavoro con una sosta presso uno dei locali nella zona della Questura; erano le 20 di sera e c’era una forte affluenza di turisti e triestini nelle vie del centro. Ad un tratto, il poliziotto è stato avvicinato da un giovane, trentadue anni, con bermuda scuri e bandana in testa, che domandava, con forte accento straniero, qualche informazione sulla “movidatriestina; dopo uno scambio amichevole di battute, l’uomo ha chiesto al poliziotto se volesse della coca, mostrandogli diverse dosi occultate all’interno di un accendino di colore rosso. Il poliziotto era convinto si trattasse di uno scherzo, ma una volta accertata la serietà dell’offerta, ha rifiutato e ha continuato a chiacchierare, nel contempo avvisando i colleghi ancora in ufficio, giunti sul luogo in poco tempo. 

Sottoposto a controllo, il giovane veniva identificato in D.K.A., classe 1986, proveniente da Isola, Slovenia; effettivamente, all’interno dell’accendino rosso che teneva in mano sono state rinvenute 3 dosi di cocaina, pronte alla vendita, mentre in una tasca dei pantaloni 310,00 € suddivisi in banconote di diverso taglio.

Visti i fatti, dopo avere informato il P.M. di turno presso la Procura della Repubblica, D.K.A. è stato tratto in arresto e condotto nel carcere del Coroneo a disposizione della Procura della Repubblica di Trieste che coordina le indagini.