Café Rossetti, programma di domenica 29: alla mattina l’Arpa di Erika Bersenda, alla sera il Rock di Cheap Wine con l’omaggio a Tom Petty

28.04.2018 – 11.29 – La musica classica si fonde in una strana combinazione con il Rock&Roll di Trieste Calling the Boss: è l’inedito programma del Café Rossetti di questa domenica, 29 aprile: alla mattina, un calmo concerto meditativo con “L’Arpa” di Erika Bersenda; alla sera, a partire dalle 21, musica live con la band Cheap Wine, con un caloroso omaggio a Tom Petty, uno dei grandi del Rock americano, eseguito dalla Frank Get Band.

Sotto la direzione artistica di Stefano Sacher prosegue infatti il ciclo di concerti ibrido tra jazz, classica e pop, “CaffèRossettiMusica“, questa domenica 29 aprile con “L’Arpa“, di Erika Bersenda.

Musica barocca e soundtrack cinematografiche interpretate dall’arpista triestina Erika Bersenda, al cafè Rossetti, ore 11, a ingresso libero (prenotazione consigliata allo 040 573143).

Nel concerto di domenica “Per arpa sola“, autori del barocco italiano e tedesco quali Pescetti, Paradisi, Haendel saranno affiancati a compositori di musica da film e musical, tra i quali Mancini, Lloyd Webber, Tiersen. Non mancherà la presenza del tardo Romanticismo europeo, rappresentato da Glinka e Saint Saens.

Erika Bersenda, arpista triestina, è laureata in Triennio di I° livello e Biennio accademico di II° livello al Conservatorio J. Tomadini di Udine. Vincitrice di numerosi concorsi, partecipa a corsi di perfezionamento con arpisti di fama internazionale. Ha al suo attivo numerosi concerti sia in veste di solista che in diverse formazioni da camera e orchestrali. La giovane musicista è stata molto apprezzata come interprete solistica e come membro di prestigiosi ensemble quali “Ventaglio d’arpe” e la “Civica orchestra di Fiati G. Verdi-Città di Trieste“. Il suo repertorio musicale spazia dalla musica celtica, alla musica classica, jazz, swing e da film. Come docente di arpa insegna anche nelle scuole di musica pubbliche di Nova Gorica e Ajdovščina in Slovenia.

Al calare della notte, il café Rossetti ospiterà una serata speciale a ingresso libero all’interno del festival Trieste Calling the Boss 2018: si parte con i Cheap Wine per riscaldare l’atmosfera e si termina con il Tom Petty Tribute della Frank Get Band.

I Cheap Wine sono in pista dal 1990 (il debutto discografico è del 1997), con 12 album alle spalle, gratificati dai grandi consensi del pubblico e della critica specializzata, centinaia di concerti in Italia e all’estero, tante canzoni trasmesse da numerose emittenti radiofoniche in Europa e negli Stati Uniti, che hanno reso inossidabile la loro reputazione. Ma è la dimensione live il punto di forza dei Cheap Wine, che sul palco riescono ad esprimere appieno tutta la potenza del loro sound chitarristico, capace di sintetizzare, attraverso una lettura del tutto personale, 50 anni di musica rock.

A Trieste presenteranno l’album “Dreams” uscito a fine 2017 e che chiude la trilogia aperta da “Based on lies” nel 2012 (nel quale i personaggi cercavano un riparo da una crisi, economica e di valori, che li stava aggredendo) e proseguita con “Beggar town” nel 2014 (la presa di coscienza della distruzione, l’osservazione delle macerie e la necessità di trovare la forza per rialzarsi e ricominciare a camminare). Nel nuovo capitolo le canzoni raccontano la prospettiva di un nuovo futuro, nel quale tornano in gioco i sentimenti, le aspirazioni, i sogni che erano infranti al tempo dell’esplosione della crisi.

Infine, un festival dedicato al rock americano non può non omaggiare uno dei suoi più grandi esponenti, scomparso in maniera improvvisa lo scorso ottobre: quel Tom Petty che seppur celebrato in maniera minore dalle grandi masse durante la carriera, ha però lasciato delle tracce fondamentali e ispirato molti altri artisti. Il tributo di Trieste Calling The Boss vedrà la Frank Get Band come backing band con la quale si alterneranno al microfono Frank Get, Anthony Basso, Riccardo Maffoni, Jacopo Tommasini e Marco Diamantini per realizzare il più rispettoso e sentito omaggio alla musica di Tom.