21.5 C
Trieste
venerdì, 12 Agosto 2022

Una volpe inaugura la nuova struttura di ospitalità dell’ ENPA Trieste. Salvata qualche giorno fa, era in condizioni gravissime.

06/02/2018 20:20 L‘ ENPA Trieste da anni si occupa di salvare e curare tantissimi animali selvatici e animali domestici sfuggiti di casa.

La sede si trova in via Marchesetti 10/4 e accoglie, cura e successivamente libera animali raccolti da soci, cittadini e volontari zoofili sul territorio della provincia di Trieste. Ogni animale ferito trova la certezza di una visita di un medico veterinario, cure e alle volte anche una casa.

Questa volta però tra i “pazienti” ha fatto capolino un animale  affascinante e selvatico, che raramente si incontra nelle passeggiate in bosco, una volpe.

Venerdì 2 febbraio, Biancarosa Guerra e Maurizio Matteucci hanno trovato la volpe in fin di vita  e hanno pensato di portarla subito all’ ENPA per cercare di salvarle la vita. 

Le condizioni dell’animale erano davvero gravi.

volpe enpa

Ad occuparsene per primo il volontatrio Adriano L., volontario perchè l’ENPA è una realtà che si sostiene attraverso i contributi dei soci e le donazioni dei simpatizzanti.

La volpe è poi passata alla supervisione di Elisa, un’altra volontaria ed alle cure del veterinario Marco Lapia.

La sede ENPA di Trieste è operativa 365 giorni l’anno, per oltre 10 ore al giorno, grazie all’opera di 25 volontari presenti a turni settimanali e a titolo rigorosamente gratuito, 3 medici veterinari liberi professionisti presenti in ambulatorio per la gestione e le cure degli animali ricoverati e diversi consulenti esterni.

volpe enpa

Il recupero nel bosco è stato fatto dalla guardia zoofila volontaria, dott. Gianfranco Urso ( quello nello foto con la volpe), che è anche il coordinatore regionale dell’Enpa del Friuli Venezia Giulia e Trentino Altro Adige che da oltre 50 anni raccoglie ogni sorta di animale ferito o in difficoltà su strada

Domenica, dopo due giorni di cure e  alimentazione assistita, la volpe era vigile, in piedi e già desiderosa di uscire dalla gabbia. E’ stata la prima ospite della nuova struttura di ospitalità, arrivata con il 2018 alla sede.

Ieri, lunedì 5 febbraio, il suo aspetto è decisamente migliorato, il  pelo ha ripreso vigore e lo sguardo è vivo e quasi nostalgico.

volpe enpa

 

 

volpe enpa

 

Purtroppo  le sue condizioni fisiche non le permettono di tornare già libera, ci vuole ancora un pò di riabilitazione e poi potrà tornare per i bosci in attesa della primavera.

L‘ENPA si raccomanda di dire che “non sono opportune le visite per un animale di fauna selvatica in riabilitazione…ma ne daremo sicuramente notizia al momento della liberazione.”. 

Quindi per i curiosi è possibile seguire la loro pagina facebook, dove ogni giorno vengono caricate nuove foto e news sull’ospite speciale.

Ogni anno pervengono all’ENPA e vengono curati oltre 2000 animali randagi e selvatici tra cui passeri, cinciallegre, rondoni, rapaci diurni e notturni, merli, gazze, ghiandaie, colombi, gabbiani, anatre, ricci, tartarughe, pipistrelli, rettili, scoiattoli,lepri, caprioli, cinghiali, tassi,  oltre a molti animali esotici smarriti dai proprietari.

L’ orario accoglimento animali feriti, nidiacei o in difficoltà: 8.00 – 12.00 e 14.00 – 20.00 tutti i giorni feriali; 8.00 – 12.00 e 16.00 – 18.00 le domeniche e i festivi.

email: [email protected] 


SITO UFFICIALE: http://www.enpa-trieste.it/

Pagina Facebook:  ENPA TRIESTE

Giulia Livia

(riproduzione riservata)

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore