18.7 C
Trieste
domenica, 14 Agosto 2022

Il ministro Calenda: «Il rigassificatore non è un’opera strategica per il Paese»

10.6.2016 | 13.54 – «Il rigassificatore non è strategico ed esce dall’agenda del Governo». L’annuncio arriva direttamente dal primo cittadino Roberto Cosolini tramite il suo profilo Facebook. «Questa mattina – scrive – sono venuto a Roma lasciando per un attimo la campagna elettorale nella nostra Trieste per incontrare, insieme alla presidente della Regione, il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda».

«Da questo incontro emerge il segnale politico che la città attendeva e voleva». Per il titolare del dicastero, come confermato dal gr Rai regionale, «la realizzazione di tale infrastruttura esce dall’agenda di Governo, essendoci altri progetti già autorizzati che, se realizzati, potranno coprire le ulteriori necessità di capacità di rigassificazione».

Il colloquio odierno era stato richiesto dopo che dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare era stato emesso il documento che considera ottemperate una serie di prescrizioni annesse al decreto di Via datato 17 luglio 2009, relativo al terminale di rigassificazione di Zaule.

Tale documento era stato pubblicato sulla pagina del dicastero in questione il 30 maggio scorso. Clicca qui per visionare gli atti

E.B.

Riproduzione_riservata

 

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore