13.6 C
Trieste
lunedì, 3 Ottobre 2022

Ezio Bosso, il pianista che ha emozionato il pubblico del Festival di Sanremo, in concerto al Teatro Rossetti

15.2.16 | 16,50 – Ha commosso e incantato il pubblico italiano e internazionale con la sua partecipazione all’ultima edizione del Festival di Sanremo dove la sua musica ha regalato emozioni prendendo il sopravvento sulla malattia che ne condiziona la vita, ma non la sua arte.
Ezio Bosso, pianista e compositore, salirà sul palco del Politeama Rossetti di Trieste domenica 24 aprile per un imperdibile ed emozionante concerto, parte del “The 12th Room Tour”.

I biglietti per l’evento, co-organizzato da Zenit srl e Politeama Rossetti – Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, in collaborazione con il Comune di Trieste e la Regione FVG, inserito nel pacchetto Music&Live dell’Agenzia TurismoFVG, saranno in vendita a partire dalle ore 16.00 di domani, martedì 16 febbraio, sui circuiti Ticketone e VivaTicket, nei punti vendita autorizzati e alle biglietterie del teatro, a partire dalle 10.00 di martedì 16.00. Tutte le informazioni e i punti vendita su www.azalea.it .

Ezio Bosso presenterà sul palco il suo primo disco solista al pianoforte: “The 12th Room”, uscito nell’autunno 2015 e attualmente primo in classifica su iTunes, un doppio album in cui due storie si fondono in una.
I brani, dalla forte carica empatica, rappresentano un percorso meta-narrativo dello stesso Bosso. Sono storie di stanze, che rivelano da dove egli proviene, dove si trovano le radici della musica che scrive. Rivelano i due musicisti che convivono in lui: Il compositore e l’interprete. “Questi brani, come sempre nelle mie scelte, rappresentano un piccolo percorso meta-narrativo – racconta Ezio Bosso – C’è una teoria antica che dice che la vita sia composta da dodici stanze, nessuno può ricordare la prima stanza perché quando nasciamo non vediamo, ma pare che questo accada nell’ultima che raggiungeremo. E quindi si può tornare alla prima. E ricominciare”.

Ezio Bosso è un pianista, compositore e direttore d’orchestra nato a Torino. Ha studiato Composizione e Direzione d’Orchestra all’Accademia di Vienna arrivando a dirigere alcune delle più importanti orchestre internazionali come la London Symphony Orchestra, The London Strings, l’Orchestra del Teatro Regio di Torino e l’Orchestra dell’Accademia della Scala.
Ha composto musica classica, colonne sonore per il cinema (per “Io non ho paura” di Salvatores, per “Rosso come il cielo” di Bortone), per il teatro (per registi come James Thierrèe) e la danza (per coreografi come Rafael Bonchela) fino a scrivere sperimentazioni con i ritmi contemporanei.
Dal 2011 Ezio Bosso convive con una malattia neurodegenerativa progressiva.

Si esibisce con il suo “amico” Pianoforte Gran coda Steinway & Son della collezione Bussotti-Fabbrini, appositamente preparato sulle specifiche del Maestro da Piero Azzola, e utilizza uno sgabello versatile e di supporto, chiamato “12”, nato dalla collaborazione con l’architetto Simone Gheduzzi.

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore