6.1 C
Trieste
martedì, 29 Novembre 2022

La fotografa indonesiana Alex Tjoa sceglie il Teatro Romano per avvicinare oriente e occidente

EVENTO Protagonista dei suoi scatti una giovane studentessa triestina, modella per un giorno

29.9.2012 | 19.24 – La fotografa Alex Tjoa sceglie il Teatro Romano per avvicinare oriente e occidente. Protagonista dei suoi scatti una giovane studentessa triestina, modella per un giorno. Aveva molte location tra cui scegliere a Trieste la fotografa indonesiana Alex Tjoa, di passaggio nel capoluogo giuliano e diretta per lavoro a Venezia, e poi in Svezia, al termine di un reportage paesaggistico in Grecia.

E invece, visto casualmente il teatro romano, l’occhio esperto dell’artista non ha voluto cercare oltre. «Farò qui il mio servizio fotografico – ha detto Tjoa, ignara della complicata burocrazia che in Italia si cela anche dietro la semplice richiesta di un set fotografico – qui o da nessuna parte». Fortunatamente, intuita l’importanza dell’artista e la necessità di procedere in tempi brevi, il personale della Soprintendenza per i beni culturali di Trieste ha preso a cuore la richiesta della nota fotografa, risolvendo le pratiche in tempo per permetterle di realizzare il suo servizio prima dell’imminente partenza.

Si tratta di una raccolta di scatti nati proprio dal desiderio stesso di realizzarli in questo specifico e suggestivo set archeologico che, ha spiegato l’artista, «vuole fondere oriente e occidente, cultura antica e cultura moderna, in quella che in fondo è la derivazione della mia stessa natura: sono nata in Indonesia da genitori cinesi, sono cittadina norvegese e vivo in Svezia». Per realizzare i suoi scatti Alex Tjoa si è servita di una modella particolare, una giovane studentessa triestina della scuola media Dante senza alcuna esperienza, Elisa Tognon, la quale, divenuta modella per un giorno (qui sopra), ha indossato con naturale disinvoltura una serie di antiche e colorate giacche cinesi di seta per poi passare a colorati abiti in chiffon dalle lunghe code e morbide estensioni sensibili al più leggero alito di vento.

L’effetto non ha mancato di attirare l’attenzione di decine di curiosi, colpiti dalle suggestive e inusuali macchie di colore fluttuanti tra le antiche pietre. L’artista (nella foto qui sotto) donerà alcuni scatti alla Soprintendenza per i beni culturali e alla città di Trieste. Le fotografie faranno parte di un reportage artistico internazionale raccolto in uno speciale portfolio.

Alessandra Ressa

 

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore