10.1 C
Trieste
domenica, 4 Dicembre 2022

Dal Zovo (M5s) su suicidi in carcere ‘Puntare su inclusione e tutela salute mentale’

24.11.2022 – 18.20 – “I numerosi suicidi nelle carceri comportano la necessità di rafforzare la tutela della salute mentale dei detenuti e di migliorare la loro inclusione e reintegrazione sociale”. Sono i presupposti che hanno portato la consigliera regionale del MoVimento 5 Stelle, Ilaria Dal Zovo, insieme agli altri portavoce del Gruppo, a presentare una mozione su questo delicato tema.

“Recentemente questo triste fenomeno ha toccato anche la nostra regione, quando un ragazzo di origini domenicane si è suicidato nel carcere di Udine – ricorda Dal Zovo -. Dall’inizio dell’anno 77 persone si sono tolte la vita all’interno degli istituti di pena in Italia, dato più alto mai registrato nel nostro Paese. Purtroppo assistiamo a un trend in aumento, soprattutto tra le donne e gli stranieri”.

“Tra le cause che maggiormente incidono in questo fenomeno, c’è la marginalità sociale ed economica dei detenuti, i disagi psichici e le dipendenze – ricorda l’esponente pentastellata -. Occorre quindi agire per intercettare e gestire questi disagi, garantendo maggiori risorse e prevedendo percorsi alternativi alla detenzione nei penitenziari per i soggetti più fragili. Basti pensare che questi il 70% dei detenuti torna a delinquere, ma la percentuale scende al 10% quando c’è coinvolgimento in attività lavorative e di formazione professionale”

La mozione del MoVimento 5 Stelle chiede alla Giunta di intervenire presso il Governo perché vengano aumentare le risorse per il reinserimento in società dei detenuti. Per quanto concerne le competenze regionali, l’impegno è di rafforzare le strutture dei Dipartimenti di salute mentale per implementare l’assistenza psichiatrica delle persone condannate e di rendere più efficaci le sinergie tra amministrazione penitenziaria, terzo settore e mondo della cooperazione sociale e della formazione professionale per la realizzazione di percorsi di crescita personale e integrazione e per favorire la creazione di reti di supporto sociale a fine pena.
[c.s.]

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore