29.2 C
Trieste
mercoledì, 10 Agosto 2022

Temperature anomale e crisi idrica, Governo pronto ad applicare “stato d’emergenza”

26.06.2022 – 07:00 – La stagione estiva è ufficialmente incominciata da solo cinque giorni ma ondate anomale di calore e scarse precipitazioni meteoriche mancate soprattutto nel corso del periodo autunnale ed invernale stanno già mettendo in ginocchio le risorse idriche della penisola quindi la sua agricoltura; da nord a sud passando per le regioni del centro, senza distinzioni. In seguito alla riunione tenutasi presso il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali presieduta dal ministro triestino Stefano Patuanelli, alla quale hanno preso parte anche il Sottosegretario Gianmarco Ceninaio e il Capo della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, l’esecutivo ha reso noto di essere pronto a proclamare lo stato di eccezionale avversità atmosferica qualora il danno provocato dalla siccità superi il 30% della produzione lorda vendibile “danneggiata”. Lo stato di emergenza potrebbe essere attivato nelle prossime ore qualora diverse regioni ne chiederanno l’applicazione. Nel corso del suddetto incontro il Capo della Protezione Civile ha informato che “è in atto uno stretto collegamento con i governatori delle Regioni, e che le amministrazioni territoriali stesse sono al lavoro sull’individuazione dei criteri al fine di poter dichiarare lo stato d’emergenza”. Tra le regioni che prima di tutte si sono attivate per segnalare le rispettive criticità idriche, l’Emilia-Romagna, grazie all’intervento del Governatore Bonaccini ed il nostro Friuli-Venezia Giulia grazie all’attenzione sul tema posta dal Presidente Fedriga; così facendo, grazie ad un provvedimento regionale diventanto immediatamente esecutivo lo scorso 23 Giugno, ci sarà una maggiore flessibilità nella gestione dell’acqua dei fiumi permettendo così di tollerare che il loro flusso vitale possa giungere, in alcuni casi, ad un valore pari a zero. Si taglieranno così i rilasci di acqua verso valle per far fronte alle esigenze irrigue dell’agricoltura. Il provvedimento firmato dal Governatore Fedriga invita inoltre i sindaci ad emanare a loro volta ordinanze che garantiscano il risparmio idrico sul loro territorio e che prevedano verifiche a campione. La Regione, infine, è in procinto di lanciare una campagna informativa per la popolazione con il fine di ridurre il più possibile ogni forma di spreco nell’ambito della vita quotidiana.

“Questa siccità così imponente è frutto di diversi fattori che si combinano – ha dichiarato ai microfoni RAI, Luca Mercalli, meteorologo, climatologo nonchè Presidente della Società Meteorologica Italiana – da un lato più di sei mesi senza pioggia, soprattutto nel Nord Italia dove ci sono state precipitazioni scarsissime ed è mancata la neve ossia la nostra risorsa idrica dell’estate. Dall’altro un’ anomalia di temperatura, tra i record assoluti italiani, in quanto non abbiamo mai avuto un Maggio così caldo ed un inizio d’estate così precoce, con temperature solitamente riscontrabili verso la fine di Luglio. Oggi stiamo assistendo ad un anticipo di oltre un mese e mezzo delle temperature normali – ha sottolineato Mercalli. Purtroppo – ha continuato l’esperto italiano – le previsioni che abbiamo davanti non mostrano nessun cambio di rotta nel breve termine; pertanto dobbiamo prepararci ad affrontare durante tutta l’estate una carenza idrica che potrebbe diventare qualche cosa di inedito e di nuovo che non abbiamo mai sperimentato prima d’ora” – ha concluso.

 

 

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore