10.4 C
Trieste
venerdì, 9 Dicembre 2022

Afghanistan, Siria e diritti umani. Domani la seconda giornata del Premio Luchetta 2022

03.06.2022 – 11.10 – Si aprirà con un focus sull’Afghanistan la seconda giornata di dialoghi del Premio Luchetta 2022, in scena oggi e domani al Teatro Miela di Trieste. Ad accendere la mattinata l’operazione Enduring Freedom che avrebbe dovuto pacificare e stabilizzare il territorio afghano, che rimane terra di combattimento. Il reporter turco Sedat Suna – vincitore del Premio Luchetta 2022 nella sezione fotografia – con Fabrizio Foschini e Barbara Schiavulli porranno la domanda “Ti ricordi dell’Afghanistan?”, a meno di un anno dalla conquista del potere da parte dei talebani.
Poi, la Siria: alle 12 salirà sul palco del Premio il portavoce Unicef Andrea Iacomini, assieme a Céline Martelet e Noé Pignède di La Libre Belgique, finalisti del Premio Luchetta 2022. Dieci anni di manifestazioni contro il regime di Assad e altrettanti di guerra, che ha causato circa 400 mila morti e ha costretto 12 milioni di persone a lasciare le loro case. “Siria: il conflitto dimenticato” sarà l’occasione per ricordare che, come spesso accade, nelle situazioni di guerra le prime vittime sono i minori: sono difatti 12 mila minori che sono stati uccisi o feriti tra il 2011 e il 2020, mentre per un’intera generazione la scuola è solo un ricordo lontano o qualcosa che i bambini non hanno mai visto.

A chiudere Marinella Chirico, della redazione Tgr RAI Friuli Venezia Giulia, con la premiazione della Ong International Memorial, l’Associazione per la difesa dei diritti umani fondata dal Premio Nobel per la Pace Andrej Sacharov, liquidata dalla Corte Suprema russa, alla quale viene assegnato il Premio Speciale Luchetta “per avere, da decenni, difeso con forza e determinazione il valore della democrazia e dei diritti umani in un paese in cui è oggi quasi impossibile far sentire la propria voce e il proprio dissenso. E perché anche noi, nel resto dell’Europa, dobbiamo ricordare che esiste e va sostenuta, anche un’altra Russia, che, pagando un prezzo altissimo, si batte per il riconoscimento di quei diritti fondamentali che tutte le dittature soffocano, disprezzando la vita delle persone e la loro libertà”.

Il Premio Speciale Luchetta 2022 viene celebrato in memoria di don Pierluigi Di Piazza, il sacerdote fondatore del Centro Balducci di Zugliano, scomparso lo scorso 15 maggio. Un ricordo affettuoso al Teatro Miela sarà portato dal fondatore della Comunità di San Martino al Campo don Mario Vatta, amico personale e compagno di strada nell’impegno sociale al fianco degli “ultimi”. Promosse dalla Fondazione Luchetta con il sostegno della Fondazione CRTrieste e di Crédit Agricole Friuladria, le Giornate del Premio Luchetta hanno come media partner la RAI e il quotidiano Il Piccolo e si svolgeranno sotto l’egida della FNSI e dell’Ordine dei Giornalisti.

b.b

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore