30.6 C
Trieste
lunedì, 27 Giugno 2022

Salone del Libro di Torino 2022, bilancio positivo per lo stand FVG

24.05.2022 – 10:20 – Si è conclusa nella giornata di ieri la trentaquattresima edizione del Salone del Libro di Torino 2022. Un’edizione di gran lunga positiva che ha visto l’ingresso di quasi 170 mila visitatori in un cinque giorni. Sono stati circa 20 mila in più rispetto all’edizione straordinaria che si era tenuta nell’ottobre del 2021 (dopo che l’edizione del 2020 e quella che si sarebbe dovuta tenere nel maggio del 2021 erano state cancellate) e rispetto all’edizione del 2019. La giornata con maggiore partecipazione è stata quella di sabato, quando è stata registrata la massima affluenza al Salone nella sua storia. Un bilancio più che positivo anche quello tracciato dall’Assessore Regionale alla Cultura, Tiziana Gibelli, al termine della settimana di presenza dello stand del Friuli Venezia Giulia presso il quartiere fieristico del Lingotto. Nel padiglione Oval lo spazio della Regione ha ospitato una cinquantina di incontri con una settantina di autori, giornalisti e scrittori mentre un’area è stata dedicata alle case editrici del territorio. Per Gibelli lo sforzo profuso in questa occasione – il quale ha visto il Friuli Venezia Giulia essere presente al Salone come Regione ospite – dalla direzione centrale Cultura insieme a pordenonelegge, con il supporto di PromoTurismoFvg, è stato ampiamente ripagato e ha dato molte soddisfazioni, portando l’Amministrazione Regionale a confermare sin da subito la presenza anche alla prossima edizione. Come ha evidenziato l’Assessore, positiva è stata la risposta di pubblico avuta nello stand, nel quale è stato possibile presentare il territorio nelle sue sfaccettature e per le diverse fasce di età. Al Salone si sono alternati giovani autori come Enrico Galiano e Andrea Maggi ma anche importanti esponenti della produzione letteraria fatta per immagini come ad esempio Altan con la sua Pimpa. Inoltre sono state promosse sia le nostre città d’arte attraverso i racconti di alcuni autori sia alcune delle più importanti rassegne culturali e letterarie. Non è mancato poi lo spazio riservato a Pasolini in occasione del centenario dalla nascita dell’artista di Casarsa ma anche la promozione istituzionale dell’evento che caratterizzerà il 2025 quando Nova Gorica e Gorizia saranno capitale europea della cultura. Significativa inoltre la presenza degli editori all’interno dello stand, a partire da Italo Svevo il quale ha pubblicato anche i libri di Valerio Massimo Manfredi (Aquileia) e Melania Mazzucco (Tiepolo), entrambe vincitori del premio letterario Friuli Venezia Giulia istituito dalla Regione. Risalto è stato dato alle edizioni in “lenghe” come La Patrie dal Friul e ai cataloghi delle tante mostre organizzate dal Paff! di Pordenone. È stato dato inoltre spazio ad autori di libri che sono anche reporter di guerra come Fausto Biloslavo e Toni Capuozzo, mentre il giornalista Paolo Condò ha intervistato tre atlete di spicco del Friuli Venezia Giulia: Sara Gama, Mara Navarria e Katia Aere. Commovente e coinvolgente, infine, l’esibizione di Simone Cristicchi, che oltre ad aver parlato dello spettacolo “Magazzino 18” ha intrattenuto il pubblico proponendo alla chitarra alcuni suoi brani. Positiva anche la parte riguardante i libri nello stand, dove era stata allestita la consueta libreria della Poesia i cui risultati delle vendite sono tornati a quelli del 2019, segnale della grande affluenza di pubblico al Salone (a oggi 150 mila presenze).

Importante anche la parte dedicata alla promozione turistica del Friuli Venezia Giulia attraverso materiale pubblicitario distribuito a quanti hanno frequentato lo stand. Tra le informazioni maggiormente elergite ricordiamo quelle inerenti ai percorsi naturalistici, cicloturistici nonchè di ambito storico ed artistico. Particolarmente apprezzato anche l’angolo del Food&Wine dove al termine delle conferenze con gli autori sono stati proposti al pubblico crositini a base di formaggio Montasio e prosciutto crudo di San Daniele, specialità culinarie d’eccellenza della nostra Regione; il tutto accompagnato da altrettanti vini di qualità appositamente accostati ai cibi dall’Associazione Italiana Sommelier del Friuli Venezia Giulia.

 

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore