22.6 C
Trieste
sabato, 2 Luglio 2022

Polizze vita: facciamo il punto sull’assicurazione temporanea caso morte

24.05.2022 – 11.00 – L’assicurazione temporanea caso morte, abbreviata comunemente nella sigla TCM, è una soluzione adottata da chi desidera garantire sicurezza economica e stabilità ai suoi familiari qualora si verificassero eventi drammatici che potrebbero mettere a rischio il bilancio domestico.
All’interno di tali circostanze rientrano, oltre al decesso, anche gli incidenti causa di invalidità permanente o una malattia talmente grave da non consentire più al sottoscrittore della polizza di esercitare la sua attività professionale e, quindi, di assicurare il precedente status economico al suo nucleo familiare.

Nella sua versione standard, l’assicurazione temporanea caso morte prevede che, in seguito alla morte dell’assicurato all’interno di un determinato intervallo di tempo stabilito nel contratto, venga corrisposta una determinata somma di denaro (l’erogazione del capitale assicurato definito nel contratto) al coniuge o a un utente terzo precedentemente designato, che viene definito “beneficiario”.
Tuttavia, è anche possibile sottoscrivere questa tipologia di polizza in caso di morte che comprenda ulteriori garanzie: ad esempio, appunto, l’invalidità o la malattia grave, che consentirebbero ai beneficiari della polizza di entrare in possesso di una parte del capitale assicurato prima della morte dell’assicurato.

Perché scegliere un’assicurazione temporanea caso morte
Sono molte le ragioni che possono portare a stipulare un’assicurazione temporanea caso morte, tuttavia la principale rimane quasi sempre la volontà di lasciare ai propri cari una certa solidità economica su cui poter contare in caso di lutto: prendersi cura del coniuge o dei propri eredi è, infatti, la preoccupazione più diffusa.
Senza contare che si tratta anche di una scelta che presenta dei vantaggi interessanti. La possibilità di usufruire delle agevolazioni fiscali previste dalla legge italiana è uno fra questi: il premio assicurativo è detraibile a seconda di una determinata soglia, variabile nel tempo, che attualmente è fissata al 19% della somma totale, per un massimo detraibile di 530 euro.

Come funziona un’assicurazione temporanea caso morte
Come tutte le assicurazioni, la polizza TCM richiede il versamento di un premio.
Per stabilire la somma da destinare alla società assicuratrice, possono entrare in gioco diversi fattori. L’età e la condizione fisica generale (l’abitudine al fumo e lo stato di salute) sono le due principali variabili da tenere in considerazione perché più il soggetto sarà giovane e in buona salute, più basso sarà il premio da versare.

Al contrario, in presenza di persone in età avanzata e con una storia clinica di rilievo, le probabilità di rischio aumentano notevolmente e, di conseguenza, il premio tenderà ad essere più alto. Per questo motivo, prima di sottoscrivere una polizza TCM, l’utente deve effettuare un’accurata visita medica volta ad accertarne lo stato di salute.

[network]

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore