25.7 C
Trieste
lunedì, 27 Giugno 2022

Concorso d’Eleganza Città di Trieste 2022, è “doppietta” Ferrari

23.05.2022 – 07:00 – Si è concluso nella giornata di ieri, presso l’affascinante parterre di Piazza Unità d’Italia, nel Capoluogo Giuliano, la seconda edizione del Concorso d’Eleganza Città di Trieste, manifestazione per automobili d’epoca costruite dal 1910 al 1979 nel quale, proprietari di vetture storiche di grande prestigio si sono affrontati a suon di design e passione per l’automobile. Organizzato da Club ACI Storico, ACI Trieste, AAVAS – Associazione Amatori Veicoli Storici e Comune di Trieste con il patrocinio di ACI e Regione Friuli Venezia Giulia, il Concorso si è svolto con la ripartizione delle vetture iscritte in sette categorie a seconda del decennio di fabbricazione. Requisito numero uno delle auto ammesse all’edizione 2022, è stata l’anima corsaiola. Le auto sportive ammesse, infatti, sono state infatti vetture a due o quattro posti con carrozzeria aperta o chiusa, che non dovevano necessariamente aver partecipato a competizioni sportive, ma che siano state in grado di incarnare per linea, per tecnica, e storia, la tendenza alla guida sportiva. Dopo il successo dell’edizione del 2021, quest’anno, l’evento è stato affiancato da un’altra manifestazione motoristica quale la Mitteleuropean Race, gara di regolarità Super Classica del calendario ACI Sport e patrocinata da ACI Storico nella quale si sono sfidate 60 auto storiche. A presiedere la giuria del Concorso d’Eleganza di Trieste, il presidente di ACI e ACI Storico, Angelo Sticchi Damiani, il quale assieme ad un gruppo di esperti del settore automotive quali Angelo Sticchi Damiani (Presidente della Giuria), Ugo Isgrò Themel dell’Associazione Amatori Veicoli Storici, Maria Bussolati (Direttrice del Museo Mille Miglia), Lorenzo Boscarelli (Presidente dell’Associazione Italiana per la Storia dell’Automobile), David Giudici, Direttore di Ruoteclassiche, Youngtimer e AutoItaliana e i due esperti Dino Cognolato, fra i più famosi restauratori a livello mondiale e Gaetano De Rosa vicecapo redattore di Ruoteclassiche, è stato chiamato a valutare le auto in concorso e a decretare i vincitori delle sette classi di età, nonché la vettura “Best of Show” (la più bella in concorso), alla quale è stato assegnato il trofeo che porta il nome dell’evento. La giuria, oltre al grado di originalità, allo stato di conservazione e/o alla qualità del restauro, ha tenuto in considerazione la linea generale del disegno, l’armonia degli schemi, dei colori, l’eleganza della tappezzeria, la correttezza degli equipaggiamenti accessori, la conformità del vano motore, l’efficienza meccanica e il palmarès sportivo. La cerimonia di premiazione si è svolta sul red carpet appositamente allestito all’ombra del municipio alle ore 12.30.

A conquistare il favore degli spettatori triestini, i quali hanno colorato Piazza Unità d’Italia per tutto il fine settimana della manifestazione, tra le splendide auto presenti, è stata la Ferrari Dino 206 GT (vedi foto in basso) del 1967 la quale si è aggiudicata il Premio Speciale del Pubblico. La Giuria di esperti, invece, ha attribuito i premi d’onore ai vincitori delle sette classi di età.

Foto: Gabriele Turco.

LA CLASSIFICA: Best in Class anni ’10: la Cadillac 30 Touring 4C 30HP del 1910; Best in Class anni ’20: la Bugatti Type 39 Grand Prix del 1925; Best in Class anni ’30: l’Alfa Romeo 6C 1750 GT Berlinetta Aerodinamica tipo Mille Miglia del 1931; Best in Class anni ’40 : la Lancia Aprilia Berlinetta Touring Superleggera del 1945; Best in Class anni ’50: la Ferrari 212/225 Le Mans Touring del 1951 (vedi foto in alto); Best in Class anni ’60: la Bizzarrini 5300 GT Strada del 1968; Best in Class anni ’70: la Lamborghini Miura P400 SV del 1971. La Ferrari 212/225 Le Mans Touring si è inoltre aggiudicata il Trofeo “Concorso di Eleganza Città di Trieste” come vettura “Best of Show”.

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore