25.7 C
Trieste
lunedì, 27 Giugno 2022

Asugi, un nuovo piano aziendale per la continuità nell’assistenza

26.05.2022 – 10.40 – Undici case di comunità come riferimento sul territorio, ospedali di comunità e centrali operative territoriali ogni 100mila abitanti, che rappresentino il cervello dell’intero sistema. Questi i tre pilastri su cui poggia il modello rafforzato di assistenza territoriale del nuovo piano di Asugi. Il modello è condiviso da tutte le regioni italiane e dal Governo nazionale, in applicazione delle disposizioni previste dal Pnrr e dal decreto ministeriale 71. Le centrali operative rappresentano un modo per assicurare continuità nell’assistenza, anche a casa, nelle rsa o, ancora, proprio negli ospedali di comunità. La costruzione della struttura organizzativa, definita da poco dall’Atto aziendale di Asugi, sarà accompagnata non solo dal rafforzamento delle risorse umane, ma anche dalla razionalizzazione e dalla maggiore uniformità dei protocolli aziendali di presa in carico integrata sul territorio. Gli ospedali di comunità prevedono 148 posti letto nell’area giuliano-isontina.

L’incognità è “legata alla necessità di un grande investimento sul capitale umano – spiega Riccardo Riccardi, vicegovernatore della regione – visto che ancora per alcuni anni dovremo registrare una carenza di professionisti della salute”. I fondi messi in campo per il rafforzamento prevedono 118 milioni del Pnrr e 220 milioni della regione. “L’augurio – prosegue Riccardi – è che, nonostante le fisiologiche contrapposizioni delle diverse parti, su questa riforma ci possa essere maggiore condivisione da parte di tutte le forze politiche della regione”. Infine, cruciale sarà l’integrazione tra sistemi informativi e i processi funzionali di questo nuovo assetto che è imperniato sulla casa di comunità come riferimento sul territorio e sulla centrale operativa territoriale come strumento dell’integrazione tra professionisti e setting di cura. 

“In questa prima fase – fa sapere Asugi in una nota – dove è necessario assicurare la continuità delle funzioni istituzionali aziendali, sono state adottate le opportune determinazioni con lo scopo di garantire la piena operatività delle attuali articolazioni organizzative, secondo l’assetto delle responsabilità affidate al personale appartenente alle diverse aree contrattuali, della dirigenza e del comparto”.

mb.r

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore