13.2 C
Trieste
martedì, 4 Ottobre 2022

Piano Opere Triennali 2022, Dipiazza: “Abbattimento Tripcovich a luglio”

04.04.2022 – 17.37 – 134 milioni per l’anno in corso, il 2022; con ulteriori 15 milioni di interventi fuori programma. È quanto prevede il Piano di opere triennali per il 2022-24 approvato or ora dalla Giunta comunale e in attesa di entrare nel bilancio, dopo le opportune discussioni e modifiche. Il Piano s’inserisce in un clima economico difficile, drenando risorse dalla Regione e dal PNRR; inevitabilmente aspetti che comporteranno il rispetto di tempi di esecuzione stretti, entro il 2026; e di un dialogo con le categorie. Tra i finanziamenti spicca il bando Periferie, con fondi per Servola, San Giovanni e Melara; mentre tra gli abbattimenti compare il Teatro Tripcovich e quanto sopravvive della piscina Acquamarina. Gli asili beneficeranno dei fondi del PNRR, mentre 40 milioni sono stati allocati per le scuole, con lotti specifici per le palestre scolastiche. Nel campo culturale invece sono stati menzionati i musei di colle di San Giusto e il Palazzo Biserini per quanto concerne il sistema bibliotecario. La gestione degli oltre 50 giardini triestini ha ricevuto a propria volta uno stanziamento di 1 milione e 20mila, con un’attenzione particolare al restauro delle fontane.
Sono stati stanziati, per la manutenzione statale, 2 milioni e 100mila per la manutenzione ordinaria, dalle buche dell’asfalto ai terrapieni, e 1 milione e 100mila per l’elemento della sicurezza, dai cartelli stradali, ai passaggi pedonali. È stato però osservato durante la presentazione che, senza una “sburocratizzazione” dell’attuale regolamento, non è possibile agire in maniera tempestiva per la riparazione delle strade. Tra gli interventi in programma  nell’ambito della viabilità urbana non manca il rifacimento rispettivamente del ponte verde, bianco e di Via Brigata Casale.

L’intervento del sindaco Roberto Dipiazza è stato in tal senso un po’ il compendio dei cantieri e delle opere in programma nei prossimi mesi: “Innanzitutto partiremo da Barcola, perchè siamo riusciti nell’allargamento del selciato a seguito dei danni causati dalle radici dei pini neri” mentre “in Porto Vecchio c’è l’impresa Mari & Mazzaroli Spa al lavoro e presto interverrà la ditta responsabile dell’appalto per il Magazzino 26”.
Il sindaco ha stimato a luglio l’abbattimento del Teatro Tripcovich, “un momento importante per la città”; demolizione che andrà di pari passo con quello della piscina terapeutica, vicino alla quale prosegue il recupero della nuova sede di ESATTO. Nella stessa zona il sindaco prevede il trasferimento del mercato ortofrutticolo “o all’ex fabbrica tabacchi o a Prosecco”; in quest’ultimo caso “siamo in contatto col Presidente dell’Authority Zeno D’Agostino”. Senza dimenticare gli interventi per la palestra di San Giovanni, la chiusura della Galleria di Montebello per la sua definitiva sistemazione e, auspicabilmente, l’entrata in funzione del tram di Opicina a luglio 2022. I lavori pubblici di carattere ordinario stanno intanto proseguendo, specie a Roiano.
Infine il sindaco ha accennato a voler presentare nel 2022 “un progetto per Piazza Unità d’Italia” in quanto anni addietro “hanno sbagliato a fare le pietre” senza inserire i giunti dilatatori che le avrebbero garantito quell’elasticità tale da evitare le cunette e i sollevamenti del terreno. Pertanto quanto rimane una “piazza bellissima, una delle più belle d’Europa” è ormai molto trascurata; sebbene per il suo recupero vadano trovate le risorse.

[z.s.]

spot_img
Avatar
Zeno Saracinohttps://www.triesteallnews.it
Giornalista pubblicista. Blog personale: https://zenosaracino.blogspot.com/

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore