19.5 C
Trieste
lunedì, 15 Agosto 2022

Scuola, Honsell (Open) contro regionalizzazione USR

05.03.2022 – 18.30 | Venerdì 4 marzo al Centro Balducci si è tenuta un’importante tavola rotonda dal titolo “Diritto allo studio, istruzione e formazione: sistema nazionale o autonomie differenziate?”. Lo riferisce, in una nota, il consigliere regionale di Open Sinistra Fvg, Furio Honsell. Organizzato da Adriano Zonta del sindacato Flc-Cgil e dallo stesso Honsell, vi hanno partecipato varie personalità politiche e del mondo della scuola davanti ad un folto pubblico. “L’assessore Alessia Rosolen – si legge ancora nella nota – ha delineato il percorso che la Giunta Fedriga vorrebbe intraprendere per regionalizzare l’Ufficio scolastico regionale, al fine di una maggiore efficienza a suo avviso”.

Dianella Pez di Sinistra Italiana e del Comitato nazionale No Autonomia Differenziata, ha spiegato come “la regionalizzazione della scuola, e quindi la gestione regionale del dimensionamento delle classi, dei concorsi dei dirigenti e docenti ecc. sia l’obiettivo di alcune delle più ricche regioni italiane (Veneto, Emilia Romagna, Lombardia). Ha sottolineato come si parli ancora troppo poco di questo processo di autonomia  differenziata che in modo nascosto sta diffondendosi nella parte più ricca del Paese. Sulla base della riforma del Titolo V della Costituzione – ha proseguito Pez, come si legge nella nota – le regionalizzazioni rischiano di scardinare l’equilibrio di un servizio che è un bene comune fondamentale: la scuola pubblica. A seguito di un’eventuale regionalizzazione non vedremo che crescere le disparità nel nostro Paese. Ha espresso quindi forte contrarietà e preoccupazione per il percorso avviato dalla Regione Fvg”.

Salvatore Spitaleri, membro della Commissione paritetica Stato-Regione Fvg ha fornito i dettagli della proposta della Giunta Fedriga attualmente presentata al Ministero. Enrico Panini, ex vicesindaco di Napoli e sindacalista, ha spiegato come la regionalizzazione dell’Ufficio  scolastico regionale non offra nessuna garanzia di un sistema più efficiente, perché quanto conta davvero sono le risorse messe in campo sia riguardo al personale che alle infrastrutture. Il dirigente scolastico del Marinelli Stefano Stefanel – si legge ancora nel comunicato – ha sottolineato che sarebbe necessaria maggiore attenzione al problema delle scuole in zone montane e nel sistema delle certificazioni della formazione e istruzione. Se di regionalizzazione di un servizio si deve parlare allora questo deve essere l’educazione nella  fascia 0-6 anni”.

Furio Honsell di Open Sinistra Fvg ha condiviso “le forti preoccupazioni per una regionalizzazione della scuola così come da più parti viene interpretata in Consiglio Regionale”. Citando l’esempio dell’Università, “che negli ultimi decenni ha voluto fare concorsi locali perdendo così molte opportunità di allargamento degli orizzonti”, ha ribadito che  “nell’educazione, nella ricerca e nella formazione i valori sono l’apertura e non l’isolamento. Regionalizzare l’Ufficio scolastico regionale oltre che inutile potrebbe invece essere il cavallo di Troia per un processo analogo a quanto avverrebbe nelle altre regioni del nord.  Regionalizzare la scuola non porterebbe nessun beneficio ma solo accrescerebbe il rischio di clientelismo e dell’assoggettamento ai poteri politici locali”.

Francesco Sinopoli, segretario generale Flc Cgil, ha ribadito “i gravissimi rischi che il percorso di regionalizzazione della scuola porterebbe all’intero sistema scolastico nazionale e ha espresso il concetto che la formazione deve avere al centro il giovane e non andare a traino delle aziende”. Infine, Adriano Zonta di Flc Cgil Fvg ha evidenziato che, “dato che la Regione mette delle utili risorse sarebbe il caso di lavorare in sinergia e in cooperazione piuttosto che in concorrenza di poteri, sarebbe il caso che la Regione coordinasse l’offerta formativa e la cooperazione tra le scuole, piuttosto che assistere ogni anno ad una concorrenza, a volte anche sleale tra scuole: questo sì è un compito che la Regione può già svolgere”.
[c.s.]

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore