19.3 C
Trieste
lunedì, 3 Ottobre 2022

Peste suina, Centis (Citt): “Regione sostenga allevatori”

03.02.2022 – 17.15 | “La peste suina africana non è ancora arrivata in Friuli Venezia Giulia, ma con i primi casi riscontrati in alcuni cinghiali selvatici in Piemonte e Liguria, la preoccupazione tra gli addetti ai lavori che questa letale pandemia possa raggiungere anche gli allevamenti di maiali della nostra regione è altissima”. Lo afferma in una nota il capogruppo dei Cittadini in Consiglio regionale, Tiziano Centis, annunciando la presentazione di un’apposita interrogazione: “Ho chiesto alla Giunta regionale quali azioni intenda intraprendere, tramite i servizi veterinari delle Aziende sanitarie, per tutelare il comparto ed evitare la propagazione del virus”.

“Da giorni, negli allevamenti, si è alzato il livello di guardia. I lavoratori, prima di entrare negli impianti, sono costretti a bardarsi. È vietato l’ingresso di persone non addette ai lavori e chiunque entri – fa sapere Centis – deve seguire le pratiche di sanificazione, in particolare delle calzature. In Fvg ci sono un centinaio di allevamenti concentrati in particolare nei territori di Pordenone e Udine, con oltre duecentomila capi allevati. Le carni suine rappresentano quasi il 9% dell’intera produzione di carni del territoiro, ma considerando l’intera filiera suinicola, dagli allevamenti ai macelli, fino ai prosciuttifici (sono circa 400mila le cosce che i nostri allevamenti forniscono annualmente al distretto di San Daniele), si parla di un fatturato annuo che supera di gran lunga i 350 milioni di euro. Di fronte a tali numeri non si può certo farsi trovare impreparati e se sarà necessario – conclude l’esponente dei civici – la Regione dovrà essere pronta anche a garantire un sostegno concreto a un comparto che rappresenta una delle nostre eccellenze”.
[c.s.]

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore