31.6 C
Trieste
domenica, 3 Luglio 2022

Baci, amore e strane creature mitologiche in epoca covid: Briciole di 2022

10.01.2022 – 14.30 – È passato un altro capodanno a suon di gomitate. Parsimoniosi sono stati i baci, a volte assenti. Sono ormai lontani i tempi in cui il bacio era un apostrofo rosa tra le parole “te podevi metter meno aio in sto baccalà mantecato!”. Qualcuno ha azzardato un qualcosa che assomigliasse al capolavoro di Magritte: “Gli amanti”. I più coraggiosi o rivoltosi hanno sfidato la sorte e il reato di epidemia colposa con un bacino a stampo.
Capodanno è sempre stata l’occasione per lo sbocciare di nuovi amori, a volte grazie anche all’aiuto di qualche calice di troppo, ma negli ultimi due anni la cosa è stata improba. Ora per gli innamorati si avvicina un’altra prova da superare indenni: San Valentino!
“Amore hai già pensato a cosa regalarmi?”
“Avrei pensato di prenotare una seconda luna di miele con MSC Crociere: volo+navigazione+visite guidate… spendiamo solo 2000 euro e ci regaliamo un emozione intensa! La nave fa sosta persino a Montecarlo!”
“E tu invece a cosa avevi pensato?”
“Tesoro…io invece avrei pensato di prenotare la terza dose booster con Sesamo: puntura+tampone molecolare di cortesia+visita pneumologica… non paghiamo 1400 euro di multa e ci risparmiamo la terapia intensiva! ah…ci fermiamo persino a Montedoro!”

È incredibile come cambino le cose in poco tempo! Un giorno brontoli e fai la rivoluzione per i sacchetti della frutta e verdura a 2 centesimi e il giorno dopo corri felice e spensierato a farti un bel tampone da sano in farmacia a 18 euro!
Ieri sul bus c’era un tizio, che evidentemente vive in un mondo di elfi e folletti dove non prende Rete4, che indossava solo la mascherina chirurgica, e la gente lo guardava come avesse l’uccello fuori dalla patta dei pantaloni! Per sua fortuna all’arrivo al capolinea non c’erano ad attenderlo i carabinieri, bensì il “vu cumpra” con le FFP2!
Questa cosa della sicurezza ci sta un po’ sfuggendo di mano! L’altro giorno un’amica che stava festeggiando il suo compleanno ha potuto soffiare sulle candeline della torta solo dopo aver mostrato a tutti il tampone salivare negativo. Poi abbiamo potuto anche baciarla, era stufa di beccarsi gomitate! Ieri in un ristorante ci hanno chiesto il green pass all’entrata, all’uscita, quando sono andato in bagno, tra una portata e l’altra, e con l’aperitivo, al posto di arachidi e salatini, ci hanno portato termometro e tamponcini!

Tra poco bisognerà esibire il certificato verde anche per andare in posta. Come se non ci fossero già abbastanza file! D’ora in poi per pagare un bollettino bisognerà prendere un giorno di ferie oppure prenotare un appuntamento, non più sul portale di P.I. ma su quello di Asugi! Sarà pure obbligatorio per entrare in quasi tutti i negozi! Spero che almeno i tabaccai come me vengano esentati, visto che già vendiamo prodotti che fanno male ai polmoni da tempo.
Tutto è strano, nuovo, ansiogeno, preoccupante, ma come diceva Gabriel Garcia Marquez nel suo “L’amore ai tempi del colera”: “nulla a questo mondo è più difficile dell’amore”. Non riuscirò mai a rassegnarmi al bacio solo con sesta dose, super-extra-magnum green pass rafforzato e tampone preliminare. Mi piace pensare che tra non troppo tempo potremo chiedere di nuovo “cos’è la cosa che ti renderebbe più felice?” … “un bacio sotto le stelle” “e a te?” “che venga presto notte”!

[M.L]

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore