13.7 C
Trieste
martedì, 4 Ottobre 2022

“Un libro per la SGT”: alla riscoperta della scrittura epistolare

09.12.2021 – 07.01 – Il ciclo di eventi “Un libro per la SGT” giunge all’ultimo appuntamento in programma: dopo aver “giocato” con il basket degli anni Trenta, aver viaggiato nell’Istria dantesca ed essersi “ammalati” di bellezza si torna a scrivere una lettera a mano con la scrittrice goriziana Nataša Cvijanović.
L’autrice infatti presenterà un’opera – “Lettere dai frammenti dell’anima” (Bologna, Qudulibri, 2019) – esplicitamente dedicata alla bellezza dell’epistolario: dall’emozione di ricevere una lettera, al piacere di scriverne una a propria volta all’amico di penna, al valore della lettera come auto analisi esistenziale.
La presentazione avverrà questo sabato 11 dicembre, ore 18, nella sala Primo Rovis della Società Ginnastica Triestina (SGT). L’accesso, dall’ingresso che porta al parcheggio coperto, è gratuito previo Super Green Pass (vaccino o certificato di guarigione).
In conclusione, per chi lo desidera, si terrà una visita guidata del curatore Zeno Saracino alla mostra “Il Dante ‘Adriacus’: una storia risorgimentale” e al Museo sportivo.

Il romanzo, scritto per i ragazzi, pensato in particolare per “giovani adulti”, ma rivolto equanimemente a insegnanti, genitori e nonni, nasce con l’intento di instillare nel lettore la curiosità per la scrittura epistolare. Non a caso il libro rappresenta un assoluto unicum nel panorama editoriale, perchè comprende le lettere scritte a mano dall’autrice stessa.
In un mondo caratterizzato dalla comunicazione breve e veloce, come quella offerta dai Social e dagli Smartphone, l’autrice offre un’alternativa aggiornata al nostro secolo: l’epistolario, la scrittura a mano, la ricerca di una bella e personale grafia.
La protagonista, Helene, è una giovane insegnante di lettere, vive a Trieste e viene colpita da una tragedia. Giorno dopo giorno, cerca di rimanere ancorata alla vita, risalendo faticosamente la china, ma la sua è una battaglia solitaria e irta di ostacoli. In questo percorso difficile, solo poche persone riescono a oltrepassare la bolla nella quale è rinchiusa: suo figlio, le sue corrispondenti e due insoliti uomini. Attraverso il loro sguardo e quello immaginario, ispirato alla fotografa bavarese Helene Hoffman, cui deve il nome, la protagonista comprenderà le possibilità e il potere della resilienza femminile.

Nataša Cvijanović ha pubblicato due romanzi “La dama e l’aquila” (2012), “Tempora d’autunno – una guerra di Streghe e Benandanti” (2015) e un ricettario con il quale ha  vinto il primo premio del Concorso Letterario Donne tra Ricordi e Futuro della Città di Pratovecchio (AR): “Il ricettario di Baba Ljuba – la cucina rurale jugoslava” (2014) tutti editi da Segno Editore.

[z.s.]

spot_img
Avatar
Zeno Saracinohttps://www.triesteallnews.it
Giornalista pubblicista. Blog personale: https://zenosaracino.blogspot.com/

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore