9.7 C
Trieste
mercoledì, 7 Dicembre 2022

Stefano Puzzer difende Fabio Tuiach

23.11.2021 – 17.26 – “Tutti i lavoratori portuali si fermeranno finché Tuiach non verrà reintegrato. Gli forniremo avvocati, gli staremo vicino. Chi tocca un portuale li tocca tutti”. Stefano Puzzer difende Fabio Tuiach, i lavoratori portuali non si toccano. L’Agenzia per il lavoro portuale del Porto di Trieste (Alpt) qualche giorno dopo lo sgombero del varco quarto aveva comunicato “la decisione di adottare il provvedimento di licenziamento per giusta causa“. La doccia fredda per l’ex consigliere comunale era arrivata tramite raccomandata datata al 10 novembre: l’ex pugile nelle primissime fasi della protesta, in particolare durante l’occupazione del molo settimo del porto, aveva tenuto un comizio quando era ufficialmente assente dal lavoro. Oltre alla presenza della stampa e delle emittenti tv che hanno immortalato l’oramai ex portuale, sono stati tantissimi i manifestanti che hanno trasmesso in diretta sui social, quindi pure Tuiach: l’Alpt, accanto alla violazione contrattuale, non ha apprezzato l’utilizzo di un gilet ad alta visibilità fornito dall’ente, con il logo dell’Agenzia chiaro e in primo piano.
Dal canto proprio, Fabio Tuiach ha sempre 
sostenuto di essere nel giusto: “È vero ero alle proteste – ha ammesso più volte – ma ero a casa durante gli orari di controllo. Ho rispettato sempre le regole”.

b.b

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore